Commento al Vangelo
stampa

Dal n. 29 del 30 luglio 2006

La moltiplicazione dei pani, un gesto gratuito di amore

30 luglio, 17ª Domenica del Tempo Ordinario. In questo tempo estivo, di vacanza e di riposo per molti, alcune parole della liturgia festiva ci accompagnano e parlano, in profondità, al cuore. La prima parola è: gesto. Nel grande racconto della moltiplicazione dei pani secondo il Vangelo di Giovanni, abbiamo dinanzi il gesto che nasce dallo sguardo di Gesù sulla folla (Gv 6,4), un gesto sovranamente gratuito e che attiene completamente alla gratuità di Dio. Quel gesto è amore, è azione.
DI FABRIZIO PORCINAI

30 luglio, 17ª Domenica del Tempo Ordinario
«Ne mangeranno e ne avanzerà» (2 Re 4,42-44); «Un solo corpo, un solo Signore, una sola fede, un solo battesimo» (Ef 4,1-6); «Distribuì ai presenti quanto ne vollero» (Gv 6,1-15)
DI FABRIZIO PORCINAI
In questo tempo estivo, di vacanza e di riposo per molti, alcune parole della liturgia festiva ci accompagnano e parlano, in profondità, al cuore. La prima parola è: gesto. Nel grande racconto della moltiplicazione dei pani secondo il Vangelo di Giovanni, abbiamo dinanzi il gesto che nasce dallo sguardo di Gesù sulla folla (Gv 6,4), un gesto sovranamente gratuito e che attiene completamente alla gratuità di Dio. Quel gesto è amore, è azione. Non è una reazione: l'iniziativa di sfamare le folle, infatti, non viene dai discepoli, ma direttamente da Gesù, e non è motivata neanche dalla compassione nei confronti di folle stanche o smarrite, come nei vangeli sinottici. Una gratuità assolutamente pura, tutta da contemplare. Una gratuità sovrabbondante. I cinque pani d'orzo e i due pesci che, mediante i gesti e le parole di Gesù, sfamano cinquemila persone portano a pienezza l'antica parola trasmessa dal profeta Eliseo (cfr I lettura): ne mangeranno e ne avanzerà anche. Gesto di moltiplicazione, quello di Gesù, ma anche di condivisione e di dono: «riempirono dodici canestri di pezzi avanzati».

Abbiamo bisogno di gesti. Nell'epoca frettolosa che viviamo si rincorrono fatti e notizie, ma forse mancano gesti che esprimano profonda, calda umanità. Nelle strade e nelle case, nel mondo come nella Chiesa. Raccogliere il gesto di Gesù sulla folla, celebrarlo nell'Eucarestìa, diviene urgenza di farlo vivere e bisogno di trasmetterlo, secondo l'invito (II lettura) a «comportarsi in maniera degna della vocazione ricevuta» che è quella, dolcemente umana, di essere creati e amati da Dio per formare in Lui un solo corpo.

La moltiplicazione dei pani, un gesto gratuito di amore
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento