Commento al Vangelo
stampa

La nostra testimonianza è il segno della Resurrezione

Domenica 8 aprile, Pasqua di resurrezione. Andate di buon mattino al sepolcro per imbalsamare il corpo di Gesù, alcune donne trovano il sepolcro vuoto. Sconvolta, Maria Maddalena si affretta ad avvertire i discepoli e Pietro e Giovanni corrono al sepolcro e verificano che il corpo di Gesù non è più lì. Comprendono finalmente quelle parole di Gesù rimaste misteriose e incomprensibili: dopo essere stato crocifisso e sepolto, risusciterò.
DI BRUNO FREDIANI

Parole chiave: vangelo (644)

Domenica 8 aprile, Pasqua di resurrezione: «Noi abbiamo mangiato e bevuto con lui dopo la sua resurrezione dai morti» (At 10,34.37-43); «Cercate le cose di lassù, dove è Cristo» (Col 3,1-4); Egli doveva risuscitare dai morti» (1 Cor 5,7-8)

DI BRUNO FREDIANI

«Andate di buon mattino al sepolcro per imbalsamare il corpo di Gesù, alcune donne trovano il sepolcro vuoto. Sconvolta, Maria Maddalena si affretta ad avvertire i discepoli e Pietro e Giovanni corrono al sepolcro e verificano che il corpo di Gesù non è più lì. Comprendono finalmente quelle parole di Gesù rimaste misteriose e incomprensibili: dopo essere stato crocifisso e sepolto, risusciterò.

La fede cristiana è prima di tutto fede in Cristo morto e risorto. Per credere in questo, ai discepoli e alle donne non sono bastate le parole di Gesù; hanno bisogno anche di un segno: il sepolcro vuoto. Tommaso crederà solo quando potrà toccare i segni delle ferite sul corpo risorto del Signore.

Anche oggi, la gente chiede dei segni per essere attirata e conquistata a Cristo.

Essi saranno: una comunità unita dall'unica fede, sostenuta dai sacramenti, soprattutto l'Eucarestia della domenica, e dall'ascolto della Parola di Dio, continuamente in cammino, come comunità di discepoli alla sequela di Gesù, Maestro e Signore; una comunità che, nel suo insieme, vive l'amore, sia come legame interno, tra i suoi membri, sia come servizio all'uomo e alla comunità degli uomini, attenta ai tempi e alle loro contraddizioni, ai più deboli e agli esclusi, a coloro che soffrono nel corpo e nello spirito.

La testimonianza di una comunità di fratelli, attenta ad ogni uomo, soprattutto se sofferente ed escluso, e impegnata nella sua liberazione e promozione, sarà il segno grande della risurrezione di Cristo, capace di attrarre altri uomini nel cammino dei discepoli.

La nostra testimonianza è il segno della Resurrezione
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento