La parola del Papa

La parola del Papa stampa

Mercoledì 9 gennaio Papa Francesco, all’udienza generale, ha osservato che Gesù, nel Vangelo, vuole insegnarci a pregare e, in particolare, ad insistere nella preghiera e fa prima l’esempio dell’amico importuno che va a disturbare l’intera famiglia che dorme perché è arrivata una persona da un viaggio e non ha pani da offrirgli. 

Martedì 1° gennaio Papa Francesco nell’omelia pronunciata durante la Messa celebrata nella Basilica Vaticana, per la solennità di Maria Madre di Dio, ha osservato che da Lei «lasciamoci guardare», «lasciamoci abbracciare», «lasciamoci prendere per mano».

Lunedì 10 dicembre Papa Francesco ha inviato un messaggio ai partecipanti alla conferenza internazionale su «I diritti umani nel mondo contemporaneo: conquiste negazioni, omissioni» che si è tenuta alla Pontificia Università Gregoriana in occasione del 70° anniversario della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo e del 25° della Dichiarazione e del Programma d’azione di Vienna.

Mercoledì 14 novembre Papa Francesco, all’udienza generale, ha parlato dell’Ottavo Comandamento: «Non pronuncerai falsa testimonianza contro il tuo prossimo». Questo Comandamento, come ci ricorda il Catechismo della Chiesa Cattolica, «proibisce di falsare le nostre relazioni con gli altri» (n.2464).

Mercoledì 31 ottobre Papa Francesco ha ricevuto il consiglio della American Bible Society (Società Biblica Americana). Vi rigrazio per la vostra attività - ha esordito - e vi incoraggio a proseguire e, per quanto possibile, intensificare l’impegno volto a «trasformare la vita delle persone attraverso la Parola di Dio».

Mercoledì 24 ottobre Papa Francesco, all’udienza generale, nell’itinerario di catechesi sul Decalogo è arrivato al Sesto Comandamento: «Non commettere adulterio». Il richiamo immediato è alla fedeltà, e in effetti nessun rapporto umano è autentico senza fedeltà e lealtà. Non si può amare solo finchè conviene; l’amore si manifesta proprio oltre la soglia del proprio tornaconto, quando si dona tutto senza riserve.