La parola del Papa
stampa

La vocazione cristiana: vivere uniti a Cristo nella santa Chiesa

Mercoledì 9 maggio Papa Francesco, all’udienza generale, proseguendo la riflessione sul Sacramento del Battesimo, ha osservato che il fonte battesimale è il luogo in cui si fa Pasqua con Cristo! Viene sepolto l’uomo vecchio con le sue passioni ingannevoli, perché rinasca una nuova creatura. Nelle «Catechesi» attribuite a San Cirillo di Gerusalemme viene spiegato ai nuovi battezzati quanto è loro accaduto nell’acqua del Battesimo: «Nello stesso istante siete morti e nati, e la stessa onda salutare divenne per voi e sepolcro e madre».

Percorsi: Papa Francesco

La rinascita del nuovo uomo esige che sia ridotto in polvere l’uomo corrotto dal peccato. Le immagini della tomba e del grembo materno riferite al fonte, sono infatti assai incisive per esprimere quanto di grande avviene attraverso i semplici gesti del Battesimo. Se i nostri genitori ci hanno generato alla vita terrena, la Chiesa ci ha rigenerato alla vita eterna nel Battesimo.

Anche su ciascuno di noi, rinati dall’acqua e dalla Spirito Santo, il Padre celeste fa risuonare con infinito amore la sua voce che dice: «Tu sei il mio figlio amato» (Mt 3,17). Questa voce paterna, impercettibile all’orecchio, ma ben udibile dal cuore di chi crede, ci accompagna per tutta la vita, senza mai abbandonarci. Rinati figli di Dio lo siamo per sempre! Il Battesimo infatti non si ripete, perché imprime un sigillo spirituale indelebile. Questo sigillo - ci ricorda il «Catechismo della Chiesa Cattolica»  - non viene cancellato da alcun peccato, sebbene il peccato impedisca al Battesimo di portare frutti di salvezza. Incorporati a Cristo per mezzo del Battesimo, i battezzati vengono dunque conformati a Lui «il primogenito di molti fratelli» (Rm 8,29). Mediante l’azione dello Spirito Santo, il Battesimo purifica, santifica, giustifica, per formare in Cristo, di molti, un solo corpo. Lo esprime l’unzione crismale «che è segno del sacerdozio regale del battezzato e della sua aggregazione alla comunità del popolo di Dio».

La vocazione cristiana sta tutta qui: vivere uniti a Cristo nella santa Chiesa,  consacrati per svolgere la medesima missione. Animato dall’unico Spirito, infatti, l’intero Popolo di Dio partecipa delle funzioni di Gesù Cristo, Sacerdote, Re e Profeta e porta le responsabilità che ne derivano. Cosa significa partecipare al sacerdozio regale e profetico di Cristo? Significa fare di sé un offerta gradita a Dio, rendendogli testimonianza per mezzo di una vita di fede e di carità, ponendola al servizio degli altri, sull’esempio del Signore Gesù.

La vocazione cristiana: vivere uniti a Cristo nella santa Chiesa
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento