Lettere al Direttore
stampa

Dal n. 7 del 17 febbraio 2002

Art. 18, sindacato diviso

Caro Direttore,
sta venendo al pettine il nodo del ripensamento, aggiustamento e cambiamento del sistema di garanzie e diritti, sancito con lo Statuto dei Lavoratori e col sistema previdenziale, che non dimentichiamolo mai è «successivo» ad accordi sindacali che hanno richiesto duri sacrifici di lotta e grandi capacità e duttilità negoziale.

È improduttivo e controproducente il modo come affronta il problema il ministro Maroni (politica dei piccoli passi destrutturanti – che altro è la posizione sull'art. 18?; uso della legge come strumento sostitutivo del negoziato tra le parti – su mandato o concessione di fatto della Confindustria?; tentativi reiterati di dividere le tre confederazioni sull'obiettivo dei diritti soprattutto traguardando la necessità e l'urgenza – tutta imprenditoriale – di indebolire il sistema previdenziale pubblico a favore di quello privato ad esclusivo beneficio di una delle parti in causa e riducendo gli spazi conquistati in anni di lotte dai lavoratori).

Le diversità di approccio (ma stessa esigenza di tutela dei lavoratori, garantiti e non) non è di oggi, ma la grande difficoltà di accordo sugli obiettivi e/o sulle tappe intermedie per raggiungerli deriva da una marcata diversità di progettazione sul come raggiungerli e con quale scansione operativa.

Certamente nessuno può arrogarsi il diritto di giudicare «inaffidabile» sugli obiettivi, individuati concordemente, chi ha una diversa opinione sul come procedere in termini di lotte ed ha una diversa valutazione sugli spazi negoziali praticabili. Giustamente questo modo di procedere, presente sia nell'intervento di Cofferati sia in quello di Epifani, è arrogante prima che presuntuoso. Ben ha fatto Pezzotta a spedirceli senza tante cerimonie come ben fece la Cisl di Carniti sulla scala mobile. Il problema ora è recuperare non l'unità sull'obiettivo – che è ancora comune alle tre confederazioni – ma sul modo di raggiungerlo.

È un altro dei momenti difficili del sindacato. Ma sarà bene che nessuno dimentichi che conta nell'insieme da 10 a 11 milioni di iscritti e, da quanto detto – numeri alla mano – regionalmente da Gianni Salvadori (segretario Cisl toscana), in fase di ulteriore consolidamento.

Ettore Bettinetti
Piombino (Li)

Le altre lettere su questo argomento:

Art. 18, un diritto sacrosanto

Art. 18, una risposta troppo diplomatica

Art. 18, uno strano braccio di ferro

Art. 18, sindacato diviso
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento