Lettere al Direttore
stampa

Dal n. 1 del 6 gennaio 2002

Non c'è pace senza pieni poteri all'Onu

Caro Direttore,
dobbiamo essere grati al profetico, coraggioso messaggio del Papa per la Giornata mondiale della pace del 1° gennaio. È assolutamente vero che «non c'è pace senza giustizia e non c'è giustizia senza perdono».

Il momento presente ci invita a rileggere anche i molteplici documenti della Chiesa sul tema della pace: i messaggi di capodanno a partire dal 1968; i decreti e le encicliche, come «Lo sviluppo dei popoli» di Paolo VI e la «Veritatis Splendor» di Giovanni Paolo II; le note pastorali della Cei, come «Educare alla pace» ecc.

Soprattutto è particolarmente attuale la «Pacem in terris» dell'11 aprile 1963 di Giovanni XXIII, dove, tra l'altro, si afferma che il bene comune universale pone ora problemi a dimensioni mondiale che possono essere risolti solo da Poteri pubblici in grado di operare in modo efficiente sul piano mondiale (par. 71) pur nel rispetto delle singole Comunità politiche (par. 74).

Il 26 giugno 1945 è stato fatto il primo passo con la costituzione dell'Onu che tuttavia, purtroppo, quasi mai è riuscita a far valere le proprie decisioni (vedi per esempio l'effettivo riconoscimento dello Stato palestinese) a causa anche dello strapotere delle grandi potenze con l'iniquo diritto di veto.
Mi permetto, perciò, di aggiungere al messaggio del Papa, che non ci sarà mai pace, per quanto possibile universale e duratura, senza il pieno riconoscimento da parte di tutti gli Stati, Italia compresa, del potere decisionale ed esclusivo dell'Onu in materia di attuazione della giustizia e di risoluzione di ogni conflitto.
Roberto Daffra
Firenze

Sono totalmente d'accordo: in un mondo sempre più «globalizzato» (nel senso positivo del termine, cioè sempre più interdipendente) è indispensabile che vi sia un'autorità a livello planetario, riconosciuta da tutti e in grado di derimere le controversie, far rispettare i diritti umani, prevenire i conflitti. Un'autorità del genere esisterebbe già, ed è appunto l'Onu. Purtroppo senza radicali riforme non è in grado di funzionare appieno. Né mi sembra che le grandi potenze, a partire dagli Stati Uniti, abbiano tanta voglia di cedere lo scettro del controllo sul mondo.

Non c'è pace senza pieni poteri all'Onu
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento