Onda lunga
stampa

La «grande favola» di Miss Italia: poca carne ma molti denti

Parole chiave: tv (241)

di Mauro Banchini

Il suo «motto» non si scorda. Illustra la filosofia di Miss Italia e il senso di un Paese intero: la giovane (18 anni compiuti il giorno prima di vincere. Dunque minorenne per l'intero periodo delle selezioni) che ha vinto l'edizione 2009, la settantesima, del concorso più importante della penisola, si racconta – nel motto ufficiale – con un inequivocabile «Essere qualcuno per non essere chiunque».

La portatrice di questa filosofia esistenziale è Maria Perrisi. Alle spalle ha una situazione perfetta per vincere: mamma casalinga, babbo operaio emigrato in Svizzera dal paesino calabrese, bellezza (lei, non il padre) evidente («altissima, bionda, occhi verdi»), ottima cuoca e un sogno: diventare modella. Ha vinto dopo tre giorni di estenuanti dirette televisive condotte dalla sempre cinguettante Carlucci.

Sopravvivere a tre serate di Miss Italia è impresa titanica. Non è chiaro perché, una volta all'anno, ci debba toccare questo sacrificio mentre sarebbero tanto belli, in alternativa, i documentari sulle foreste dell'Amazzonia, i reportage dal deserto del Gobi, i racconti sugli squali in Nuova Zelanda.
Su queste belle figliole che si scontrano per qualche contratto con cui venderci l'acqua che fa plin plin, da dire c'è poco: tutte magre come acciughe, non c'è neppure gusto a protestare per l'esibizione della carne. Alla «grande favola di Miss Italia» (così la Carlucci), di carne se ne vede pochina. Molto meglio i denti, a volte i dentoni, esibiti per via dell'obbligo di sorridere sempre, in particolare quando la poverina è cacciata via e deve dire «Sono contenta, è stato un bel gioco».

Qualcosa si può aggiungere sul sistema di votazione. Nello studio c'è una «giuria» (5 «star» fra cui un certo Mariotto e un altro che si chiama Sergio Assisi. Noti ai più, (onestamente io non so chi siano): i magnifici 5 presumo ben retribuiti, alzano le palette e decretano implacabili giudizi numerici. Ogni tanto qualcuno dal pubblico protesta. Ma la Carlucci cinguetta serafica che siamo solo noi, da casa, ad avere «l'arma» finale per far vincere la preferita: il mitico «televoto».

Non capisco perché avrei dovuto farlo (chi se ne frega se al posto di Tiziana vince Loredana?), ma anch'io avrei potuto «votare, votare, votare» grazie al televoto. Ovviamente non ho votato, ma centinaia di migliaia di connazionali hanno usato questo «strumento di democrazia mediatica» che certo presto sostituirà il fastidio del vecchio sistema elettorale con tanto di cabina, urne, matite copiative, scrutatori. Un'idea anche per le primarie del piddì: Franceschini 01, Bersani 02, Marino 03. Inquadrature uguali per ciascuno dei tre aspiranti, dalla punta del piede all'ultimo capello; fino al «lato b» esibito orgogliosamente, dai tre, mentre girano i tacchi e sculettando aspettano l'esito. Del televoto.

Meccanismo misterioso che non sarebbe male se la Rai si impegnasse a rendere trasparente mettendo a disposizione tutte le informazioni: sul sito di Miss Italia, ad esempio, c'è il rinvio a uno specifico «regolamento per il televoto». Ma il documento è stato «rimosso». E sempre sul sito ufficiale nessuno racconta quanti, per ciascuna delle molte votazioni, siano stati i televoti espressi. Ci dobbiamo fidare. Della Carlucci.

Si sa solo che l'ultima votazione, riferita all'epico scontro fra le due ultime ragazze, la Maria ha vinto sulla Mirella per 55.272 voti su 25.681. Da dove vengono queste telefonate? Quanti italiani hanno telefonato? E le tante votazioni precedenti? E quelle degli altri giorni? Mistero poderoso.

Solo dalle ultime 81 mila telefonate sono stati incassati (0,75 euro a chiamata) circa 60 mila euro. Magari, facendo i conti globali, si potrebbe scoprire che dietro al televoto della sola Miss Italia c'è una «tassa» da un milione di euro.

Fatta pagare a noi, grullarelli, per il gusto di votare Lodovica al posto di Veronica.

La «grande favola» di Miss Italia: poca carne ma molti denti
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Avatar
corrado stefanini 17/09/2009 00:00
sin dai tempi della mia adolescenza (e di tempo ne è passato) ho evitato puntualmente di assistere a spettacoli del genere, riscontrando in essi il culmine della stupidità femminile-manipolata dall'eros maschile che nel tempo e anche oggi domina la nostra vita(lucrando)...così come i funerali di mike bongiorno la tv distrugge quel poco di emancipazione culturale raggiunta.
impossibile al momento discutere dell'europa e divenire veri cittadini eurepei....a mio avviso viviamo nelle tenebre corrado stefanini

Totale 1 commenti

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento