Risponde il teologo

Risponde il teologo stampa

Il tema del celibato dei sacerdoti: un principio intoccabile, o una norma che si può riformare? L'argomento, sollevato da un libro che contiene uno scritto del papa emerito Benedetto, ha suscitato l'interesse dei nostri lettori. Pubblichiamo tre lettere, con punti di vista diversi, e la risposta di mons. Basilio Petrà, preside della Facoltà teologica dell’Italia centrale, che spiega come in molte chiese che fanno parte della comunione cattolica è ammessa la prassi del "sacerdozio uxorato": uomini sposati che vengono ordinati presbiteri.

Con la lettera «Aperuit illis» Papa Francesco ha istituito la Domenica della Parola di Dio nella Terza domenica del Tempo Ordinario, che quest'anno cade il 26 febbraio. Un prete chiede qualche indicazione perché questo appuntamento annuale (vista la "fatica di accogliere le novità da parte di noi preti") non venga dimenticato e la giornata del Verbum Domini divenga una tradizione vissuta dalle comunità, come lo è il Corpus Domini.

L'arrivo dei migranti pone molte domande e suscita polemiche. Il lettore chiede cosa dice sattamente la dottrina della Chiesa: don Leonardo Salutati, docente di Teologia morale, illustra i passi del magistero ecclesiale in cui vengono sottolineati i diritti delle persone migranti ma anche il loro dovere di «rispettare con riconoscenza il patrimonio materiale e spirituale del paese che lo ospita, ad obbedire alle sue leggi, a contribuire ai suoi oneri».