Risponde il teologo
stampa

È giusto battezzare i figli di genitori non sposati?

Parole chiave: battesimo (18), risponde il teologo (228), sacramenti (45)

Recentemente, nella mia parrocchia, è stato battezzato il bambino di una coppia che conosco, e che so non essere sposata, neppure in Comune. La cosa, preciso, mi ha fatto comunque piacere, l'ho interpretato come il segno di un desiderio di fede che c'è almeno nel cuore di questi due ragazzi. Mi sono chiesta però a che titolo hanno potuto chiedere il Battesimo: il parroco mi ha risposto che in questi casi la Chiesa guarda più che altro al bene del bambino, e che quella educazione cristiana che i genitori non potranno dare, si spera possano darla il padrino e la madrina, o la comunità cristiana di cui questo bambino farà parte. Il ragionamento in generale torna, ma la cosa continua a suonarmi strana.

Maria Gori

Risponde Valerio Mauro,
docente di Teologia sacramentaria
La lettera ci presenta un caso che comincia a non essere più raro nella vita delle nostre comunità parrocchiali. Ne sono coinvolti diversi aspetti della nostra fede: il dono che il Signore offre di sé stesso attraverso la celebrazione dei sacramenti, la testimonianza di vita richiesta dal battesimo, l'atteggiamento di accoglienza di una comunità cristiana, il discernimento pastorale di un parroco davanti alle singole circostanze. Nella complessità di un tale intreccio, si possono comprendere le perplessità della lettrice, ma propendo per ritenere opportuna la decisione presa dal parroco.

Una pura convivenza fra uomo e donna non esprime il significato pieno dell'amore coniugale e si presenta in contrasto con la vocazione cristiana. Non sappiamo quali motivazioni siano alla base della convivenza della coppia, che, però, si è aperta all'accoglienza di un figlio, per il quale hanno chiesto il battesimo.

Come ogni sacramento, anche il battesimo è un puro dono gratuito di Dio: avviene nella pienezza della fede della chiesa, che, nella sua veste di Sposa di Cristo, invoca fiduciosa dal Padre il dono dello Spirito. Per il Rituale per il Battesimo dei Bambini «coloro che non sono in grado di avere né professare personalmente la fede… sono battezzati nella fede della chiesa, professata dai genitori, dai padrini e dagli altri presenti al rito». La fede richiesta dal battesimo è come un seme che deve crescere e giungere a pienezza: nella partecipazione alla vita della comunità ecclesiale la fede cresce nella carità operosa.

Ritengo che il parroco abbia colto l'opportunità per un cammino di fede da offrire ai genitori del bambino. Avrà avuto un colloquio con la coppia, durante il quale non si sarà limitato a chiedere una ragionevole garanzia per la futura educazione cristiana del bambino. Si sarà fatto prossimo di questa famiglia, forse anche per guardare insieme se i due potranno scoprire in se stessi quelle motivazioni che li porteranno a vivere anche la loro unione secondo la vocazione battesimale.

La fede è vissuta sempre in una dimensione aperta e dinamica. La vita, la riflessione personale e il confronto con gli altri offrono nuove motivazioni, permettendo scelte più profonde, secondo il cammino personale di persona, coppia o famiglia. La carità pastorale, allora, non si esaurisce negli incontri che preparano il rito battesimale, ma si prende cura del tempo successivo. In questa prospettiva e rimanendo nell'ambito della questione posta, ogni comunità parrocchiale, guidata dai suoi pastori, dovrebbe sentirsi chiamata ad offrire ai genitori dei bambini battezzati la possibilità di proseguire il proprio cammino di fede.

Inviate le vostre domande a:
Toscanaoggi - via dei Pucci, 2
50122 Firenze
oppure a
teologo@toscanaoggi.it

È giusto battezzare i figli di genitori non sposati?
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Avatar
DP 05/05/2009 00:00
vivi e lascia vivere
Avatar
Dante Pastorelli 10/09/2007 00:00
Sono perfettamente d'accordo col bravo p. Valerio.
La fede della Chiesa supplisce quella tiepida, o addirittura assente, dei genitori.
Certo la Chiesa deve anche pretendere che il bambinmo continui ad essere educato nella fede. Se i genitori, poi, non mantengopno la loro promessa, ne sconteranno le conseguenze.
Se i genitori si oppongono, allora il battesimo non si deve amministrare, salvo pericolo di morte. Anche il battesimo ai figli dei non cristiani può esser amministrato in pericolo di morte, indipendentemente dalla volontà dei genitori. La salvezza delle anime è da preporre sempre ad una negativa concezione del rispetto delle scelte altrui.

Totale 2 commenti

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento