Storie

Storie stampa

Nel libro «Voa voa!» Caterina Ceccuti racconta la vicenda di sua figlia, colpita da una malattia ufficialmente senza possibilità di cure. Una storia di lotta e di fede, di speranze e delusioni, di amicizie e fatica quotidiana. Che proprio in questi giorni è tornata alla ribalta dopo l’apparizione in tv alla trasmissione «Le Iene» e la conseguente ondata di solidarietà per la possibilità di riprendere una terapia sperimentale attualmente negata

Una donna straordinaria Vittoria Sormè, che a 94 anni conserva ancora lo spirito di una ragazza, lei che ha attraversato un secolo con la leggerezza della ballerina, come modella contesa dai più grandi artisti nella Firenze degli anni ’30 e ’40, poi attrice non protagonista a fianco di Vittorio De Sica, Gino Cervi....

La sua casa è un pullulare di colori. Alle pareti sono appese icone di ogni misura, che brillano nell'oro o nell'azzurro, e quadri che raccontano la storia di una evoluzione artistica e della fede che l'ha sostenuta e continua a sostenerla. Lucia Della Scala, pittrice e mamma, sposata con il diacono permanente Riccardo Vergassola, è un'artista cristiana che dal legame personale, sentito e vissuto, con la Trascendenza trae motivo di continua ispirazione.

Sul manichino c'è un abito in lavorazione, con spilli e imbastiture in vista, di un bel tessuto di colore blu. Alle pareti, una carrellata di premi, diplomi, riconoscimenti. In un angolo della stanza-laboratorio resiste una vecchia macchina per cucire, perfettamente funzionante, attorniata da forbici e rocchetti di filo. È il mondo di Angelo Michele Bafaro, 79 anni, maestro sarto («top taylor» lo chiamano all'estero), consigliere della giunta esecutiva della Federazione Nazionale Sarti e Sarte d'Italia, artigiano della Cna Federmoda di Pisa, pluripremiato con le «Forbici d'oro» dall'Accademia Nazionale dei Sartori e in decine di concorsi nazionali e internazionali.

DI GRAZIELLA TETA

Ogni viaggio inizia per un motivo. Si parte per una vacanza, per lavoro, si parte per andare a trovare qualcuno lontano. Lui è partito per andare alla ricerca di qualcosa. Ogni partenza è accompagnata da un mezzo di trasporto. Lui ha scelto il più tradizionale e il più economico, quello che si chiama «il cavallo di San Francesco», i piedi. Prima di andare ci si scelgono dei compagni di viaggio. Lui invece è partito in solitaria. Ma soprattutto partendo si pensa alla meta. Per Carlo Picchietti quella invece è stata solo l'inizio di un nuovo viaggio.

DI GIULIA SARTI

Molti sanno che Montepulciano ha dato i natali al cardinale Bellarmino, allo scrittore Poliziano, al pontefice Marcello II e a numerose figure che si sono distinte nel campo letterario, sociale ed ecclesiale.A nche oggi diversi personaggi rendono Montepulciano illustre e preziosa agli occhi dei numerosi turisti che, anche in questi periodi poco rosei, giornalmente la visitano nelle sue strutture più rinomate. Non può passare dunque inosservata la visita alla rameria Mazzetti, attigua al celebre Teatro Poliziano, dove maestro Cesare lavora con pazienza e professionalità il «suo rame».

DI DOMENICO ZAFARANA

Caparbietà e voglia di tornare a correre nonostante un brutto incidente nel quale ha perso un braccio. Solo grazie a questi due elementi Andrea Tiossi, nato ad Arezzo e residente a Bucine, ha vinto la diffidenza ed ha ottenuto la licenza per tonare a gareggiare nelle gare automobilistiche, con la stagione che ha preso il via il 15 aprile ad Imola. Andrea corre con una Seat Leon sotto le insegne del RF Racing di Magione.
DI MICHELE BOSSINI

I colori possono diventare suoni. Non è una forzatura linguistica, ma un processo comunicativo e conoscitivo che va sotto il nome di «sinestesia» e descrive la possibilità di percepire un fenomeno attraverso più sensi, da quello visivo a quello uditivo, dal tattile all'olfattivo.  Ed è proprio la «sinestesia», la chiave di lettura che si attiva di fronte ai quadri di Mario Ginocchi, massese «doc», con una lunga carriera artistica che inizia nel 1952, e si prolunga, rinnovandosi nel corso degli anni, con una sempreverde creatività, fino ad oggi.
DI RENATO BRUSCHI