Storie

Storie stampa

Una bella storia di amicizia e solidarietà: 40 anni dopo, i ragazzi di una quinta elementare di Pistoia si ritrovano e scoprono che uno di loro è malato di Sla... Per promuovere la ricerca i suoi 24 amici della ex V elementare, hanno organizzato per sabato 12 novembre alle 21 al Teatro Manzoni di Pistoia una serata speciale. Si intitola «Metti una sera contro la Sla» e vedrà la partecipazione di Ron, attraverso un video dedicato a Danilo, e l'esibizione dal vivo di alcuni gruppi musicali pistoiesi, selezionati dal suo letto dall'ex animatore della prima radio libera di Pistoia. E poi, per i più piccoli, maghi e altre sorprese.
DI TIZIANO CARRADORI

La cultura italiana e quella toscana in particolare oggi sarebbero ben più povere se una signora, madre di 5 figli, a metà degli anni Sessanta, non si fosse incaponita nell'affrontare una sfida difficile e per lei assolutamente attraente: diventare editore. In quest'intervista, Maria Pacini Fazzi, fondatrice dell'omonima casa editrice nata a Lucca nel 1966, racconta la sua storia. E la figlia Francesca ci dice: «Ho ereditato il mestiere che avrei scelto di fare».
DI GRAZIELLA TETA

A Shangai è un attore molto famoso ed è conosciuto come Kang, che in mandarino significa «colui che affronta a testa alta ogni difficoltà». A Prato, la sua città (dove è giunto all'età di due anni, proveniente dalla natia Parma), è semplicemente Christian Bachini, un ragazzo partito nel 2008 per il Paese del Dragone con un sogno: diventare il nuovo Bruce Lee.
DI GIACOMO COCCHI

Scienziata, ricercatrice, docente, manager, mentore. Non basta una definizione sola per Maria Chiara Carrozza, già professore ordinario in Bioingegneria Industriale alla Scuola Sant'Anna di Pisa, di cui è diventata direttore nel 2007. Non basta una parola sola nemmeno per definire la sua attività scientifica, che spazia nei settori della biomeccatronica, bioingegneria, biorobotica e neuro-robotica, nei quali Maria Chiara Carrozza eccelle.
DI GRAZIELLA TETA

La comunità terapeutica «Monte Brugiana» è un'oasi di pace piantata ad un palmo di cielo. Sorge sulle pendici del monte Brugiana,  l'ultimo avamposto delle Apuane che divide la città di Massa da Carrara, e si raggiunge percorrendo una lunga strada sterrata, che attraversa boschi di pini, castani e abeti, fino ad arrivare a pochi decine di metri dalla vetta, dove un tempo «si trovavano solo spine e pietre».
DI RENATO BRUSCHI

Per un incidente di moto, Alessio Focardi vive sulla sedia a rotelle dall'età di 15 anni e mezzo. Da allora dedica la sua vita alla disabilità, alla sua difesa, alla sua valorizzazione.
Già a 18 anni è vicepresidente dell'Associazione toscana paraplegici. Inizia (e continua tuttora) a incontrare i ragazzi delle scuole, e i loro genitori, per parlare dei rischi legati all'assunzione di droghe e alcool prima della guida.
DI FRANCESCO GIANNONI

Marco Malvaldi, chimico teorico per passione, scrittore di professione: negli ultimi quattro anni ha pubblicato quattro libri con Sellerio, scalato le classifiche di vendita (oltre 400 mila copie finora), finalista al Bancarella due anni fa, vincitore del Premio Elba quest'anno. È stato un vero exploit, nell'affollato agone letterario, il suo debutto del 2007: a luglio esce il suo primo giallo in salsa toscana, «La briscola in cinque», 7.000 copie vendute a razzo, nello stesso mese esce la seconda edizione.
DI GRAZIELLA TETA

Chi arriva a Massa e, girovagando nel centro storico,  si avvicina al Duomo, non può non imbattersi nell'originale esposizione «permanente» di foto e ritratti che attirano l'attenzione dei passanti. Chi è arrivato qui è arrivato davanti al negozio del fotografo più conosciuto in città, la «memoria visiva» di centinaia di vip che si sono trovati a transitare da queste parti o nella vicina Versilia. Forte dei suoi settantaquattro anni, la maggior parte dei quali vissuti dietro l'obiettivo, Nizza è da sempre, a Massa, il fotografo per antonomasia, quello con la «F» maiuscola.
DI RENATO BRUSCHI

«Per vincere il terribile disagio creato dalle nuove dimensioni del globalismo, bisogna che la Storia torni a sorriderci, e che gli uomini tornino a sorridere alla Storia». Non ci sono altre strade, altre formule o strumenti per il professor Pier Francesco Listri, raffinato scrittore, da 30 anni voce della Rai come regista ed autore di programmi culturali di successo, dopo essere stato altrettanto a lungo caporedattore della «terza pagina» de «La Nazione».
DI ANTONIO LOVASCIO

A 20 anni, nell'ottobre 1941, è arruolato nella Regia Aeronautica. Viene catturato dalle truppe tedesche all'indomani dell'Armistizio (8 settembre 1943) nei pressi del piccolo aeroporto di Boscomantico (Verona), quindi internato in Germania in diversi campi di prigionia e sottoposto al regime di detenzione come appartenente agli IMI. Il 14 aprile 1945 viene liberato a Pössneck (Turingia) dalle truppe della Terza Armata statunitense alla guida del Generale George Smith Patton. Riuscì fortunosamente a tornare in Italia nel luglio del 1945. Solo di recente, a 90 anni compiuti, si è deciso a liberare il fiume di ricordi e immagini di quel periodo, fissate in un manoscritto custodito gelosamente per oltre mezzo secolo.
DI GRAZIELLA TETA