Storie
stampa

La coppia leader tra i produttori di rosari e statuine

Nascono a Campi Bisenzio i rosari, i crocifissi, le statue della Madonna, i presepi e gli angeli in resina che poi si trovano esposti nelle vetrine dei santuari, italiani e stranieri, e dei negozi di articoli religiosi spesso situati vicino al Duomo della città. Dal disegno al modello in resina, a realizzare questi oggetti ci pensa l'azienda Agape di Daniele Mannocci e Simona Casini

Parole chiave: toscani da raccontare (110)

di Maria Serena Quercioli

Nelle chiese, negli istituti religiosi, nelle case è ancora radicata la tradizione di «sgranare» il rosario, come facevano le nonne di un tempo, o di raccogliersi in preghiera davanti a un'immagine sacra. Ci sono poi i devoti di San Pio da Pietrelcina, della Madonna di Lourdes, di quella di Montenero o Boccadirio, della Madonna della Guardia che tornano dai pellegrinaggi portando alle persone care un'icona o una medaglietta.

Da dove arrivano gli articoli religiosi che acquistiamo sulle bancarelle e nei negozi dei santuari? Dietro la produzione di questi oggetti esiste un lavoro, un mestiere non certo facile in tempi di recessione economica anche se il turismo religioso, fortunatamente, sembra non conoscere crisi. Progettare, realizzare e vendere articoli religiosi non è una professione qualunque, tanto per portare a casa lo stipendio. È, se lo vogliamo, una missione che richiede in primis la fede, poi passione, impegno, capacità manuali e una buona dose di creatività. I risultati poi arrivano: la gratificazione del lavoro, quella spirituale e la consapevolezza di aver aiutato il prossimo. Questa è la vita e l'attività di Daniele Mannocci e Simona Casini, giovane coppia di Campi Bisenzio, titolari di una ditta che ha 14 anni di vita ma è sempre rimasta nell'ombra.

Nascono a Campi Bisenzio i rosari, i crocifissi, le statue della Madonna, i presepi e gli angeli in resina che poi si trovano esposti nelle vetrine dei santuari, italiani e stranieri, e dei negozi di articoli religiosi spesso situati vicino al Duomo della città. Dal disegno al modello in resina, a realizzare questi oggetti ci pensa l'azienda Agape che si trova in via Castronella 166/2A.

La loro «notorietà» risale alla fine dell'estate 2009 quando don Renzo Cortese, parroco della chiesa di San Francesco a Sarzana (La Spezia) fu catapultato sui giornali per l'acquisto di 2500 crocifissi da donare ai parrocchiani quando era in corso la polemica del crocifisso dentro o fuori le aule scolastiche e i luoghi pubblici, a seguito della (discussa) sentenza della Corte Europea di Strasburgo. Questi piccoli crocifissi don Renzo gli aveva acquistati da Agape. Fece poi un secondo ordine perché il parroco voleva trasmettere chiaro e tondo il suo messaggio ai fedeli ma soprattutto alle autorità: il crocifisso è un valore, un punto di riferimento per la comunità. Guai a perderlo di vista. «Quest'anno don Renzo – racconta Simona Casini – ha voluto invece 3000 piccoli presepi da regalare ai parrocchiani, ai catechisti e ai ragazzi del catechismo. Lui ha sempre avuto l'abitudine di fare un piccolo dono ma carico di significato».

Agape è un vero laboratorio artigianale che assembla i pezzi della bigiotteria a immagini sacre per creare appunto rosari, braccialetti e articoli da regalo grazie alle mani di esperte lavoranti a domicilio e interne. Le statue sono in resina dipinta mentre per i crocifissi si utilizzano vari tipi di legno, anche l'ulivo. Poi Daniele va su e giù per i santuari dell'Italia e della Francia a proporre il campionario che ogni anno comunque viene variato per proporre oggetti nuovi.
Finito il lavoro la coppia si dedica, sabato e domenica compresi, ad un'altra importante missione: a Campi sono il braccio operativo della Fondazione Casa Santi Arcangeli di don Francesco Saverio Bazzoffi. «La Fondazione – spiega Daniele – è nata nel 2007 ma don Francesco ha fondato la casa, che si trova a Barberino del Mugello, già nel 1991. Ad aiutare don Francesco siamo circa 300 volontari: ogni anno lavoriamo al finanziamento di un progetto che sarà realizzato l'anno successivo. Personalmente ho avuto anche l'opportunità di andare a seguire gli interventi nelle missioni all'estero quindi posso garantire che ogni euro versato alla Fondazione è utilizzato per quello scopo. Non ci sono spese extra, i benefattori possono stare tranquilli. La domenica spesso collaboriamo al pranzo alla Casa Santi Arcangeli, un'esperienza che consiglio a tutti per conoscere questo cammino di fede».

Nella scorsa primavera proprio a Campi, all'Auditorium Rodari messo a disposizione dal Comune, c'è stata una cena di solidarietà mirata a raccogliere fondi per restaurare l'orfanotrofio di Shanti in India. Più che un intervento pianificato è stata un'emergenza. In pochi giorni Daniele e Simona, col passaparola, e-mail e telefonate sono riusciti a vendere 340 biglietti per la cena e, aggiungendo una lotteria e le donazioni, hanno raccolto 12 mila 300 euro superando la somma che serviva per sistemare l'orfanotrofio, che era di 11 mila 450 euro. Nel corso della serata fu presentato anche il report sull'attività della Fondazione che spazia dagli aiuti socio-sanitari ai bambini dell'Etiopia ad un progetto di assistenza al parto per le donne delle Filippine. Alcuni «bisogni» nelle realtà missionarie, ad esempio, vengono segnalati dalle suore di Santa Elisabetta di Firenze che sono ormai di casa all'Agape. Simona e Daniele, instancabili, si adoperano anche per cene di beneficenza fuori dalla Toscana: vanno a prendere don Francesco e insieme vanno a presentare l'attività missionaria, a racimolare offerte, tornando a casa, spesso, a notte inoltrata. La scorsa settimana erano a Bologna.

Agape è anche bigiotteria. Simona Casini qualche anno fa ha creato un secondo ramo d'azienda, le sue creazioni di bigiotteria che utilizzano in prevalenza pietre Swarowsky. Sono pezzi unici: collane, bracciali, anelli da giorno e da sera. Testimonial della linea di bigiotteria è diventato il modello George Leonard che ha avuto l'opportunità anche di frequentare don Bazzoffi, diventando un suo sostenitore. Il tutto con molta discrezione, senza clamore.

Regali insoliti, ma molto graditi

Crocifissi di legno e metallo, rosari, bracciali, presepi di altezza variabile da 11 cm a 50 cm, angeli, piccoli alberi di Natale, il Bambino Gesù e addirittura presepi in vetro da 6 centimetri. È la produzione di Agape che si diversifica a seconda delle richieste.
Ai diversi santuari l'azienda fornisce anche articoli religiosi personalizzati, con la raffigurazione della Madonna o del santo del posto. Le creazioni Agape sono presenti nei negozi di Lourdes, San Giovanni Rotondo, Pompei, in Sicilia, in Sardegna, ad Avellino, Roma, Modena, Arezzo; poi alla Madonna della Guardia a Genova, alla Verna, al santuario di Montenero, a Todi. Sugli scaffali del magazzino, a Campi Bisenzio, in questi giorni spiccano le statue (pure queste di diverse altezze) della Madonna Santissima della Consolazione (Sardegna), di Santa Maria della Neve e della Madonna di Valverde tutte in attesa di partire.
«Il lavoro nel 2010 nei santuari è andato abbastanza bene – spiega Daniele – anche se il pellegrinaggio religioso oggi tende a privilegiare l'acquisto di oggetti low cost. Si portano a casa, come ricordo e benedizione per amici e parenti, soprattutto i rosari e le statuine. Il nostro lavoro autunnale invece è concentrato sul Natale: parrocchie, istituti religiosi, enti hanno l'abitudine di donare ai fedeli, ai benefattori, alle famiglie un presepe o il Bambino Gesù da collocare nella propria natività. Ad esempio, le parrocchie della Calabria prediligono regalare il Bambino Gesù. L'articolo religioso è un regalo insolito, rispetto a quelli più tradizionali, ma dai riscontri che abbiamo è molto gradito e apprezzato. Abbiamo, inoltre, una linea di presepi più sbarazzina dedicata ai bambini. Il crocifisso è comunque un classico: in metallo, in legno d'ulivo».
«Molti sacerdoti e istituti religiosi toscani che non ci conoscono – conclude Daniele – magari acquistano già nei negozi i nostri prodotti: c'è tutta la nostra disponibilità a venire incontro logisticamente ed economicamente alle parrocchie». Per informazioni: www.agapeitalia.it (tel. 055-8951235).

La coppia leader tra i produttori di rosari e statuine
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento