Storie
stampa

La suora sulla frontiera tra la vita e la morte

Suor Costanza Galli sa che tra le stanze del reparto di Curie Palliative dell'ospedale di Livorno può essere «un segno» e non lo nasconde. Lei, da quando nell'ottobre dello scorso anno è diventata probabilmente la prima suora-primario di un Hospice, non ha smesso di indossare l'abito blu e il velo delle Figlie della Carità di San Vincenzo de' Paoli. E ora che il reparto che dirige è al centro dell'attenzione generale per il caso della donna ricoverata per il morbo della «mucca pazza», i riflettori si sono accesi anche sulla sua storia.
DI GIANLUCA DELLA MAGGIORE

Parole chiave: hospice (6), sanità (77), religiose (17)
La suora sulla frontiera tra la vita e la morte

di Gianluca della Maggiore

E' sulla frontiera fragilissima tra la vita e la morte che emergono le domande strazianti, quasi rabbiose: perché io? perché Dio mi ha fatto questo? E se in questi frangenti, oltre alla tua competenza di medico, riesci a comunicare anche la speranza, allora, pur nel rispetto dei valori altrui, senti di aver dato un aiuto. Tutto può diventare più dolce, anche la sofferenza».

Suor Costanza Galli sa che tra le stanze del reparto di Curie Palliative dell'ospedale di Livorno può essere «un segno» e non lo nasconde. Lei, da quando nell'ottobre dello scorso anno è diventata probabilmente la prima suora-primario di un Hospice, non ha smesso di indossare l'abito blu e il velo delle Figlie della Carità di San Vincenzo de' Paoli.

E ora che il reparto che dirige è al centro dell'attenzione generale per il caso della donna ricoverata per il morbo della «mucca pazza», i riflettori si sono accesi anche sulla sua storia. «Sono giorni faticosi – confida – quel che posso dire è che in queste ore ho visto una famiglia molto presente che accompagna la propria congiunta con grande dignità nell'ultimo viaggio.

Qui ogni giorno ci sarebbero storie di pazienti e di famiglie da raccontare una per una. In questi mesi ho fatto tanti incontri con persone che nelle ultime fasi della loro vita sanno donarti tantissimo, sicuramente più di quello che tu puoi dare loro».

Mesi fa il regista livornese Paolo Virzì nel suo «La prima cosa bella» ha girato in quell'Hospice alcune delle scene più toccanti e delicate del film: un equilibrio di opposti che fa esplodere la gioia sul filo esilissimo di una vita che si spegne. Certo, tra quelle stanze è raro che sia davvero così, eppure Suor Costanza è proprio a contatto con quei malati che ha maturato la sua vocazione: «È proprio così – confida – mi sono laureata in medicina, poi mi sono specializzata in oncologia ed ho vinto un concorso all'Asl livornese, ed è proprio durante la mia carriera accademica, che mi ha visto spesso a contatto con i malati nella fase terminale della loro vita, che è maturata pian piano, ma prepotentemente, la volontà del Signore su di me». In quegli occhi, in quella sofferenza Dio si è manifestato: «vedere in loro Gesù cambia radicalmente la tua prospettiva». E nel contesto del reparto di Curie palliative essere una Figlia della Carità ha un significato particolarissimo: «San Vincenzo de' Paoli è l'inventore delle reti della carità, e il nucleo del nostro carisma sta proprio qui: Gesù nel povero. E chi, più di un malato che si avvicina alla morte, può essere considerato povero?».

Le piccole premure, l'attenzione ai dettagli, un sorriso sempre acceso, la delicatezza delle parole, i silenzi fecondi: è l'insieme delle mille sfumature quotidiane a disegnare la trama di un'esistenza donata. Che al primo posto mette il rispetto: «Per il ruolo che ricopro – rivela suor Costanza – voglio e devo essere rispettosa delle opinioni di tutti, però nello stesso tempo non voglio neanche nascondere quello che sono, perché so che per qualcuno il mio abito potrebbe essere un aiuto. In questi anni non ho mai trovato nessuno che si sia rivolto a me con scortesia: certo, molto dipende da quello che dici, da quello che fai: sei rispettata se sei tu la prima a rispettare gli altri».

E c'è un piccolo-grande segreto a sostenere le fatiche di suor Costanza: ogni sera, quando torna tra le suore di Casa San Giuseppe a Quercianella, trova tutta una comunità a sostenerla: «Fare questo servizio all'ospedale di Livorno non è una mia scelta personale, ma una scelta che ha fatto tutta la comunità che costantemente mi incoraggia e mi sostiene». Contemplative nell'azione: a Livorno una suora che dà anima e corpo per i suoi malati, a Quercianella una comunità che la solleva con la potenza della preghiera. «È una vera famiglia con cui confrontarmi, chiedere consiglio, con cui discutere e riappacificarsi: è il carisma vincenziano che mi vuole a servizio all'ospedale! Anche questo porto con me nei miei incontri con la gente».

Ma c'è un altro aspetto che rende preziosa la presenza di suor Costanza in ospedale: il vescovo di Livorno Simone Giusti ha organizzato insieme alla suora-primario un percorso originale che si inserisce nel solco del progetto culturale della Chiesa italiana. «Si tratta – spiega suor Costanza – del cosiddetto tavolo dell'oggettività che ha coinvolto tutti i primari livornesi: in questi anni abbiamo affrontato le grandi questioni etiche in un confronto sereno, lontano da situazioni d'emergenza». Al centro dell'attenzione del tavolo non ci sono solo questioni strettamente etiche, ma anche riflessioni su come fare funzionare meglio le strutture sanitarie presenti sul territorio: «Mi sembra un'intuizione importante del nostro vescovo: certi argomenti devono essere affrontati anche insieme a chi non crede, senza fare barricate. Per tutti i partecipanti questi incontri hanno testimoniato come sia possibile avere identità chiare senza avere nemici».

Ogni giorno si prende cura di 110 persone
«Ancora oggi mi chiedo se questa è la scelta giusta: mi trovo tutto il giorno immersa nel mondo, a contatto con decine e decine di persone spesso con idee contrarie alle mie, ma oggi come allora, dopo giornate di fatica e di inquietudine, di richiesta di perché, davanti al Santissimo Sacramento le mie preoccupazioni si dissolvono, il mio cuore è sereno e trovo conferma della mia scelta». Sta tutto in queste parole probabilmente il nucleo del percorso di suor Costanza Galli. Lei nata 39 anni fa a Campo nell'Elba, e dopo una vita passata in gran parte a Livorno, solo da sei anni è stata consacrata suora tra le Figlie della Carità di San Vincenzo de' Paoli. Quando cioè era già assunta da un anno nell'Asl livornese e dopo la specializzazione in oncologia e un master in Curie Palliative a Milano.

Tra le Figlie della Carità non è la sola a prestare servizio in un ospedale: «Limitandoci solo alla nostra provincia religiosa di Siena – afferma – si contano molte suore infermiere, caposala storiche, e una suora-medico a Firenze». L'Hospice di Livorno è considerato un fiore all'occhiello in Toscana: nato nel 2003 come esperienza pilota nel panorama regionale e nazionale per l'accompagnamento dei malati terminali.

Suor Costanza ne è responsabile dal 5 ottobre 2009 dirigendo un gruppo di 9 medici, 20 infermieri, 20 operatori «Oss» e molti volontari che offrono il loro tempo per accompagnare i pazienti a casa o in reparto. Ogni giorno l'Hospice si prende cura di circa 110 persone, lo scorso anno ha accolto e seguito 625 persone (94 in più rispetto al 2008 e 188 in più rispetto al 2007) per un totale di 37.658 giornate, cioè circa 60 per ciascuna delle persone seguite.

La suora sulla frontiera tra la vita e la morte
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Avatar
Felicetta 23/08/2012 00:00
ciao ho letto la sua lettera sulla rivista informazione Vincenziana . Ho perso la mia mamma il 5 agosto me l'ha portata via in un mese il mostro , il dolore e pazzesco la sua mancanza incancolabile , ma leggendo la sua lettera ho capito che la mia mamma sicuramente sta riposando serena perche' in questa vita ha dato tanto amore e ha ricevuto amore e mia mamma aveva capito da sempre che la vita gli era stata donata e lei ha accettato la sua mallattia con grande dignita' vi saluto e vi ringrazio per il lavoro che svolgete perche' sentirsi le persone vicino nella sofferenza aiutano sia all'ammalato che ai famigliari mia mamma e' stata fortunata perche' in un mese e' andata via ma ci sono persone che hanno bisogno di un sostegno morale piu' a lungo grazie di nuovo !! Arrivederci
Avatar
Emanuele Bianchi 30/07/2010 00:00
Grande!Ho contemplato, Signore, le meraviglie del tuo amore.

Totale 2 commenti

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento