Sport
stampa

RaiPlay, da oggi la nuova puntata di "Ossi di Seppia" dedicata alla morte di Davide Astori

La notizia sconvolge il mondo del calcio e mette in ginocchio un’intera squadra per la morte del suo capitano. Una morte improvvisa, avvenuta nella camera di albergo dove Davide Astori alloggiava prima della partita con l’Udinese. 

Percorsi: Calcio - media - Sport - Tv
Davide Astori

Nell’ ottava puntata di “Ossi di Seppia, il rumore della memoria” in esclusiva dal 2 marzo su RaiPlay, Federico Bernardeschi, ex compagno di squadra e amico di Astori, ripercorre i fatti avvenuti tre anni fa.

Il numero 13 della Fiorentina muore nel sonno all’età, di 31 anni,  per una aritmia ventricolare maligna, provocata da una patologia cardiaca di cui soffriva ma che non gli era mai stata diagnosticata. Ad accorgersi del decesso è stato il massaggiatore della squadra che, non vedendolo arrivare a colazione, lo ha raggiunto nella sua camera dove ha rinvenuto il corpo privo di vita del giovane capitano.

L’immagine della fine che entra a gamba tesa ad interrompere un’esistenza che sembrava avere tutto davanti a sé, testimonia proprio quell’impensabile che diventa realtà.

 “Ossi di Seppia. Il rumore della memoria” racconta quegli eventi che hanno caratterizzato gli ultimi trent’anni della storia italiana attraverso le testimonianze di chi l’ha vissuta.

Nelle ventisei puntate un filo intreccia il passato al presente e si fonde proprio nell’impensabile, in quel qualcosa che mai nessuno avrebbe immaginato potesse accadere e che invece finisce per sconvolgere completamente la nostra esistenza.

Un racconto seriale emozionale e immersivo, rivolto alla Generazione Z e ai Millennials, un antidoto per frenare la perdita della memoria collettiva. Ed è questo l’obiettivo principale della serie prodotta da 42° Parallelo per la piattaforma OTT del Servizio Pubblico.

In ogni episodio la memoria di ieri viene recuperata, attraverso le immagini delle teche Rai e le fotografie d’archivio, e riconnessa all’oggi grazie al racconto di testimoni d’eccezione, protagonisti all’epoca dei fatti.

Tra le ventisei puntate quella sulla tragedia di Rigopiano e le dimissioni di Papa Benedetto XVI.  E ancora non si dimenticano il disastro nucleare di Fukushima e l’incidente di Seveso, due immani tragedie ambientali che attraverso le immagini d’archivio (le tute bianche che bonificano il terreno, l’istituzione di una zona rossa e l’invito delle autorità a restare a casa) ci riportano immediatamente all’oggi e al momento che stiamo vivendo.

Tutti eventi impensabili che hanno segnato il corso della Storia e il nostro modo di guardare il mondo. Eventi che, riletti alla luce di nuovi indizi e dettagli preziosi, permettono di comprendere in modo più chiaro e consapevole anche l’attuale presente segnato dalla pandemia.

Fonte: Comunicato stampa
RaiPlay, da oggi la nuova puntata di "Ossi di Seppia" dedicata alla morte di Davide Astori
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento