Sport
stampa

Tokyo 2020: Grandi (Unhcr), la squadra dei rifugiati “è segno di speranza” per tutti i rifugiati del mondo

Ad entrare nello stadio durante la celebrazione d’apertura di Tokyo 2020 oggi anche la squadra olimpica dei rifugiati, patrocinata dal Comitato olimpico internazionale (Ioc). È la seconda volta che una squadra composta da persone che non hanno più patria, partecipa ai giochi. 

Percorsi: Giappone - Olimpiadi - Sport
Squadra rifugiati

A guidare la delegazione composta da 29 atleti che gareggeranno in 13 diverse specialità, due portabandiera: la nuotatrice Yusra Mardini e il maratoneta Tachlowini Gabriyesos. Ysra è scappata dalla Siria nel 2015 e si è rifugiata a Berlino; ha già partecipato alle olimpiadi di Rio, sempre nella squadra dei rifugiati. Tachlowini invece è scappato dall’Eritrea quando aveva 12 anni e ora vive in Israele. “Auguriamo loro successo e pensiamo a tutti i rifugiati e i profughi nel mondo, per i quali loro sono un segno di speranza”, ha scritto oggi in un tweet Filippo Grandi, alto commissario Onu per i rifugiati, che è a Tokyo con gli atleti.

Fonte: Sir
Tokyo 2020: Grandi (Unhcr), la squadra dei rifugiati “è segno di speranza” per tutti i rifugiati del mondo
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento