Al Sinodo: preparare meglio al matrimonio

Al Sinodo dei vescovi sulla famiglia, nella seconda e nella terza congregazione generale, nel corso dei 70 interventi in aula, è stato sottolineato, tra l’altro, come anche le forme imperfette di famiglia devono essere considerate con rispetto. Ad esempio, unioni di fatto in cui si conviva con fedeltà ed amore, presentano elementi di santificazione e di verità.

Il matrimonio è e resta un sacramento indissolubile. Ma dato che la verità è Cristo, una Persona, e non un insieme di regole, se è importante mantenere i principi, si possono cambiare le forme concrete della loro attuazione. Il Sinodo non mette in discussione la dottrina, ma riflette sulla pastorale, cioè sul discernimento spirituale per l’applicazione della dottrina, guardando le sfide della famiglia contemporanea.