Gmg, Papa a sacerdoti polacchi: cuori teneri coi deboli, lontani dai poteri

Gesù desidera una Chiesa in uscita, che vada nel mondo, e sacerdoti che escono da se stessi, e bruciano del desiderio di testimoniare e di raggiungere gli altri. Nel nuovo Santuario di san Giovanni Paolo II che ha sempre invitato la Chiesa ad “Aprire le porte”, Papa Francesco ha tracciato un profilo del buon pastore, celebrando la messa con i sacerdoti e religiosi polacchi. 

Nel tempio completato nel 2015, ad un chilometro dal Santuario della Divina Misericordia, circondato dai mosaici di padre Rupnik, il Papa ha ricordato con il Vangelo di Giovanni che Gesù risorto, la sera di Pasqua, è entrato nel luogo dov’erano i discepoli, che aveva le porte chiuse.