Papa: siamo capaci di dire grazie?

La differenza la fa un “Magnificat” pieno di gratitudine o due passi che tornano indietro e ginocchia che si prostrano invece dell’indifferenza di chi, dopo aver implorato e ottenuto una grazia, se ne va senza un grazie, come se tutto gli fosse dovuto. Alla messa del Giubileo mariano, Papa Francesco ha fatto risuonare nelle coscienze delle migliaia di fedeli presenti la domanda di Gesù al lebbroso guarito, l’unico – per di più un samaritano e cioè uno “straniero – che decide di tornare indietro a lodare Dio per il dono ricevuto rispetto agli altri nove ugualmente sanati ma “ingrati”.