Toscana Oggi Tv

Toscana Oggi Tv stampa

I servizi e le interviste della redazione di Toscana Oggi

A scuola si parla italiano, in classe ma anche durante la ricreazione. Ovvio, ma non per i tanti alunni cinesi di Prato, che altrettanto ovviamente non disdegnano di usare la lingua paterna almeno durante le ore libere. Tuttavia un istituto cattolico - il Conservatorio di San Niccolò - lo ha loro tassativamente vietato, suscitando polemiche politiche rivelatesi del tutto fuori luogo. A richiedere l’obbligatorietà dell’italiano anche al di fuori delle ore di lezione erano stati infatti proprio i genitori cinesi, al fine di favorire l’integrazione dei loro figli, come spiega in questa intervista la preside Mariella Carlotti.

Autunno tempo di funghi… e di boschi e monti invasi da cittadini lanciati alla conquista di ambitissimi bottini senza la benché minima preoccupazione della salvaguardia dell’ambiente che li ospita. Troppi di loro poi, oltre a danneggiare il terreno compromettendo così le nascite future, mettono in pericolo anche se stessi , perdendosi o, peggio ancora, cadendo con conseguenze più o meno gravi. Non a caso, almeno in questa stagione, il maggior numero di interventi del soccorso alpino riguarda proprio cercatori improvvisati quanto sprovveduti, che si potrebbero definire “della domenica” ma che non disdegnano certo il sabato e tutti gli altri giorni della settimana.
L’invasione dei “funghisti” ha dato lo spunto a Federico Pagliai per scrivere il libro “Montanari indigesti. Effetti collaterali dell’andar per funghi”, che analizza il fenomeno dal punto di vista di chi in montagna c’è nato e ci vive. E che chiede un cambiamento di rotta, perché questi territori tornino davvero a vivere e non siano più visti solo come qualcosa da sfruttare o trasformare in una sorta di “parco giochi” per chi vive in città. Ne parliamo in questa intervista.

Una guida che riunisce per la prima volta tutte le biblioteche degli Istituti religiosi aderenti al Sistema documentario integrato dell’area Fiorentina (SDIAF): si chiama “un Libro” per tutti e contiene tutte le informazioni utili relative a 20 dei 23 istituti religiosi aderenti alla rete integrata delle biblioteche fiorentine. “Con questa guida che mette insieme tutto il patrimonio bibliografico religioso della rete Sdiaf – ha detto l’assessore alle biblioteche Massimo Fratini - vogliamo offrire un’occasione ai cittadini di conoscere tutti i luoghi meno frequentati e dare la possibilità di accedere al grande patrimonio culturale in grado di ampliare quello delle biblioteche comunali”.

Dal 2005 una piccola comunità di trappiste provenienti da Valserena, il monastero nell’entroterra di Cecina che ha appena festeggiato i 50 anni, si è insediata in Siria, prima ad Aleppo e poi ad Azeir, presso il confine con il Libano. Una scelta operata con l’intento di raccogliere l’eredità lasciata dai monaci di Thibirine, rapiti poi uccisi nel 1996 da terroristi islamici: la possibilità di una vita fra genti di fedi diverse, tutte però coscienti di una comune dipendenza da Dio. La guerra scoppiata poco dopo l’insediamento nel luogo prescelto per la fondazione del monastero di Nostra Signora fonte della Pace non ha fatto recedere le monache da questo proposito e la loro presenza continua a essere un faro di spiritualità per i siriani cristiani ma anche per la maggioranza islamica. Ce ne parla in questa intervista la superiora suor Marta.
Intervista di Marco Lapi
Montaggio di Matteo Del Perugia

Lunedì 1 ottobre alle 17,30 nella sede della Facoltà teologica dell’Italia Centrale a Firenze (piazza Torquato Tasso 1/A) sarà Eraldo Affinati, insegnante e scrittore, a proporre una riflessione sul testo della Lettera postorale dei vescovi toscani «La forza della parola». Ad aprire l’incontro il saluto del cardinale Giuseppe Betori, presidente della Conferenza episcopale toscana, e del preside della Facoltà teologica, monsignor Basilio Petrà. Ci parla della Lettera don Alessandro Andreini

Il Forum regionale delle associazioni per i diritti della Famiglia celebra vent’anni: la fa con un convegno a cui interverranno il cardinale Giuseppe Betori, l’assessore Stefania Saccardi e il presidente nazionale del Forum Luigi De Palo. Il presidente regionale, Francesco Zini, spiega le motivazioni con cui il Forum difende la famiglia e ne afferma il valore sociale e culturale.