Toscana Oggi Tv

Toscana Oggi Tv stampa

I servizi e le interviste della redazione di Toscana Oggi

Nascita di nuove aziende, startup selezionate per grandi progetti, realtà produttive salvate dopo periodi di difficoltà da nuovi partner o che hanno visto crescere il loro fatturato o che si sono strutturate per rispondere a nuove richieste di mercato puntando su formazione e innovazione e infine professionisti che hanno trovato lavoro. È quanto è accaduto con le precedenti otto edizioni di Piazza Toscana, la manifestazione in programma giovedì 4 luglio alla Fortezza da Basso di Firenze (Padiglione Spadolini, Piano Attico – dalle 8.30 alle 18) che vede la partecipazione di 350 tra aziende, enti pubblici e privati e professionisti. Ce ne parlano in questa intervista il presidente della Compagnia delle Opere della Toscana Lorenzo Martelli, il direttore Igor Silvi, il presidente del Consiglio Regionale della Toscana Eugenio Giani e l’assessore al bilancio, commercio e attività produttive del Comune di Firenze Federico Gianassi.

Leggere e capire la Toscana attraverso sei cammini che la percorrono: è la proposta che Barbara Gizzi, laureata in Progettazione dei sistemi turistici sostenibili, rivolge ad abitanti e visitatori della nostra regione attraverso il suo recente libro “Camminare in Toscana. Storia e identità in sei percorsi” (Pacini Editore). Un approccio originale e ricco di sorprese, quello adottato dalla giovane autrice che toscana non è, essendo nata all’Aquila, ma proprio per questo ha uno sguardo non condizionato dall’appartenenza territoriale e al tempo stesso arricchito dalla conoscenza di aspetti tradizionali comuni a regioni diverse, come la transumanza. Proprio a una di queste strade di pastori, la via dei Biozzi, è dedicato uno dei sei percorsi, mentre gli altri riguardano la Via Romea del Chianti e la Sanese, le vie del Volto Santo, quelle degli Etruschi, il Cammino di San Jacopo e infine quello di Santa Giulia, come ci spiega la stessa Barbara in questa intervista.

La Cupola del duomo di Firenze si prepara a festeggiare, nel 2020, i seicento anni dall’inizio della costruzione. Un prodigio che ancora interroga gli esperti di tutto il mondo: quali sono le tecniche che permisero a Brunelleschi di costruire la più grande volta in muratura del mondo, senza usare impalcature di legno? Roberto Corazzi, architetto e professore (ora in pensione) dell’Università di Firenze, ha dedicato vari libri a questo argomento: in questa intervista racconta aneddoti, curiosità e segreti.

Come mai Dio permette la sofferenza? È una domanda che per molti investe non solo la bontà, ma anche la stessa esistenza del Creatore. E si ripete, puntuale, in occasione delle grandi catastrofi naturali, degli attentati terroristici, delle guerre e degli incidenti, ma anche delle malattie che colpiscono anche i bambini innocenti. Nella Bibbia, il libro di Giobbe ripropone il problema in modo efficace e attuale e proprio a questa figura è dedicata una mostra che ha debuttato all’ultimo Meeting di Rimini e che, come viene spiegato in questo video, è ospitata fino al 16 giugno nel Chiostro delle Medicherie dell’ospedale di Santa Maria Nuova a Firenze e sarà presentata la sera di mercoledì 12 al CTO di Careggi dal curatore don Ignacio Carbajosa. L’esposizione non dà risposte ma testimonia come con Gesù, volto concreto della misericordia del Padre, è entrata nella storia una Presenza buona che ci permette di guardare in faccia le nostre sofferenze nell’orizzonte di quelle assunte dal Figlio di Dio. Come è capitato a don Paolo Bargigia e Caterina Morelli, che hanno vissuto fino all’ultimo una pienezza di vita nonostante le loro malattie.