Toscana Oggi Tv

Toscana Oggi Tv stampa

I servizi e le interviste della redazione di Toscana Oggi

Una Piazza Duomo così, a Firenze, nessuno l'aveva mai vista. In realtà, più che di essere nella centralissima piazza simbolo della città, pare di passeggiare nell'Orto del Getsemani. In occasione di Florens 2012, la seconda edizione della Biennale dedicata ai beni culturali e ambientali, anche piazza San Giovanni ha mutato volto e fuori dal Battistero è cresciuto una specie di «Giardino degli Ulivi»: un'installazione con oltre 70 ulivi secolari, disposti a scacchiera, collocati in una sorta di cubi bianchi che fanno da sottovaso, in armonia con le linee della Piazza e del Battistero. Il tutto appare come una sorta di cornice allo stesso Battistero in cui sono esposti i crocifissi lignei di Donatello e Filippo Brunelleschi, insieme a quello scolpito dal giovane Michelangelo Buonarroti per Santo Spirito. Per quanto riguarda l'ulivo, pianta tipica del paesaggio toscano, richiama infatti anche le Scritture evocando appunto l'immagine dell'orto del Getsemani. Ma la simbologia ricorda anche che dall'albero nasce la capanna primordiale che sta alla base dell'architettura del tempio greco. Inoltre, l'ulivo visto come caratteristica del paesaggio rurale e come antitesi al temporaneo e all'effimero. Come le altre iniziative di Florens 2012, anche l'installazione di Piazza San Giovanni e i tre crocifissi resteranno visibili fino all'11 novembre.

E' stato presentato a Firenze il Dossier Caritas-Migrantes sull'immigrazione in Toscana: aumentano gli immigrati, che hanno raggiunto quota 400 mila, ma sono meglio inseriti nonostante la crisi.

La Confederazione nazionale delle Misericordie d'Italia presenta nella sede della Misericordia di Firenze il nuovo Statuto. Nell'occasione è stato ufficializzato il rientro nella Confederazione della Misericordia fiorentina. L'annuncio è stato data da Roberto Trucchi, presidente della Confederazione, e da Andrea Ceccherini, provveditore della Misericordia di Firenze

Intervista di Riccardo Bigi a Samuela Cupello, una delle due curatrici del lavoro di riordino e inventariazione dell'Archivio di Giorgio La Pira. Curiosità e scoperte tra le migliaia di documenti custoditi dalla Fondazione La Pira, a Firenze.

Un convegno su "Don Enrico Nardi e la sua opera" si è tenuto oggi all'Istituto Salesiano di Firenze per ricordare il sacerdote fiesolano che ha dedicato tutta la vita all'assistenza dei disabili e dei malati attraverso l'Oami, l'opera fondata nel 1963 con la nascita della prima casa famiglia a Pian di Scò in provincia di Arezzo. Don Nardi, morto nel 2009 all'età di 93 anni, è stato ricordato dai tre vescovi toscani che lo hanno conosciuto come sacerdote e come presidente dell'Oami: mons. Luciano Giovannetti, vescovo emerito di Fiesole, mons. Gastone Simoni, vescovo emerito di Prato, mons. Riccardo Fontana, vescovo di Arezzo-Cortona-Sansepolcro.

C'è una ricchezza spirituale e culturale di Firenze verso cui tutto il mondo è debitore". Così il Cardinale Giuseppe Betori, arcivescovo di Firenze, è intervenuto ieri, con una dichiarazione trasmessa da Radio Toscana, nel dibattito suscitato dalle parole dell'amministratore delegato della Fiat Sergio Marchionne che aveva definito Firenze "piccola, povera città". Ecco l'audio della dichiarazione di Betori.

Mons. Agostinelli, nuovo vescovo di Prato, raccontato da uno che lo conosce bene: Franco Vaccari, fondatore ad Arezzo di Rondine-Cittadella della pace. Ovvero l'associazione che nel borgo medievale di Rondine, nei pressi di Arezzo, promuove cultura e dialogo fra popoli attraverso il suo studentato internazionale, dove si trovano fianco a fianco studenti provenienti da Paesi in conflitto. L'intervista è stata realizzata dalla redazione aretina di Toscana Oggi anche per l'edizione pratese del settimanale e per Tv Prato.