Toscana Oggi Tv

Toscana Oggi Tv stampa

I servizi e le interviste della redazione di Toscana Oggi

Il cardinale Gualtiero Bassetti, presidente della Cei, ha aperto il convegno "Umiltà, disinteresse, beatitudine" per rileggere il convegno ecclesiale di Firenze dopo quattro anni. Alla Facoltà teologica Italia Centrale sono riuniti oltre 150 delegati delle diocesi della Toscana.

La Pietà di Michelangelo dell’Opera del Duomo a Firenze o Pietà Bandini sarà sottoposta a un restauro che avrà inizio il 23 novembre 2019 e terminerà entro l’estate del 2020. Il pubblico potrà vedere tutte le fasi del restauro grazie ad un cantiere “aperto”, progettato appositamente, nel Museo dell’Opera del Duomo dove il gruppo scultoreo è conservato. Si tratterà di un restauro che sarà rispettoso della visione oramai consolidata di una superficie visibilmente “ambrata” della Pietà e rispettoso delle patine che nel tempo con il loro naturale processo d’invecchiamento hanno trasformato la cromia originaria del marmo. Il restauro, la cui fase iniziale riguarderà un’ampia campagna diagnostica, ha lo scopo di migliorare la lettura dell’opera che risulta mortificata dalla presenza di depositi e sostanze estranee alle superfici marmoree del gruppo scultoreo.

Umiltà, disinteresse e beatitudine sono le tre parole chiave intorno a cui si snoda il convegno di sabato 23 novembre presso la Facoltà teologica dell’Italia Centrale a Firenze. L’iniziativa, promossa dalla Commissione per la cultura e le comunicazioni sociali della Conferenza episcopale toscana a quattro anni dalla celebrazione del Convegno ecclesiale di Firenze, è riservata a circa 150 delegati delle diocesi toscane e intende rileggere proprio i contenuti e le indicazioni di quell’incontro, in particolare il discorso di papa Francesco, per trovare indicazioni di lavoro per le nostre Chiese a livello di impegno culturale e di lettura del nostro tempo.