Note storiche

stampa

Fiesole, situata vicino a Firenze, sede vescovile, è città etrusca, come risulta dai reperti archeologici, dalle mura che la circondano e dai monumenti ritrovati nel suo territorio. Fu costruita fra il VI e V secolo a.C.. Nel IV secolo a.C. cade sotto la dominazione di Roma e la città assorbì la civiltá, la cultura e i costumi dei Romani. A Fiesole il Cristianesimo giunse, secondo la tradizione, nel I secolo portato da un discepolo di Pietro di nome Romolo, primo vescovo e patrono della diocesi. A Fiesole come altrove il luogo primario e principale del vescovo e della realtà ecclesiale fu la città.

La diocesi di Fiesole ha avuto nel corso dei secoli più di una cattedrale. La prima fu costruita ai piedi del colle fuori della cinta delle mura, la dove oggi si trova la Badia fiesolana. L' attuale cattedrale di stile romanico fu costruita dal vescovo Jacopo il Bavaro nel 1028. Estendendosi l' evangelizzazione nel territorio intorno a Fiesole e lungo le vie che risalgono il corso della Sieve e dell'Arno, si allargó anche l'organizzazione ecclesiastica. Sorsero le pievi rurali che certamente risalgono all'età lombarda-carolingia e che rappresentano la prima realizzazione della parrocchia fuori del centro urbano. Le pievi non furono le uniche chiese e strutture ecclesiastiche; con l'avvento del monachesimo e più tardi dei vari movimenti religiosi si ebbero centri monastici e conventi.

Dal presbiterio derivó, nell'alto medioevo, l'istituzione del capitolo, prima di tutto della chiesa cattedrale. Si trattava di un collegio di presbiteri che vivevano insieme presso la cattedrale e seguivano una regola di vita (in greco "canon" da cui canonici). Piú tardi sorsero capitoli anche presso le pievi e altre chiese della diocesi. E quando, col venir meno della vita comunitaria del clero vennero meno la maggior parte dei capitoli, in due tra le piú grandi parrocchie sorsero le collegiate: a Figline nel 1493 e a Montevarchi nel 1561. Le pievi ebbero grande importanza fino a pochi decenni fa. I vicariati sorsero in diocesi ancor prima che il Codice di Diritto canonico del 1917 li rendesse obligatori. Fu il vescovo Camilli che li istituì nel sinodo diocesano del 1902. Attualmente i vicariati in diocesi sono sette.

Con il decreto vescovile del 1993 sono istituite le unitá pastorali in numero di venti. La diocesi di Fiesole si estende per una superficie di1300 chilometri quadrati in tre provincie (Firenze, Arezzo e Siena) e in 21 comuni. Vi sono attualmente 218 parrocchie.