Toscana

Toscana stampa

Una mezza rivoluzione: fuga dalle città, forte incremento della popolazione nelle zone attorno ai centri urbani più in crisi (Siena, Pisa, Firenze, Livorno), quadro in chiaroscuro per le aree montane appenniniche, spopolamento notevole per Maremma meridionale e Amiata ma soprattutto per Volterrano e Colline Metallifere. L'analisi dei dati definitivi del censimento 2001 rispetto a quelli di dieci anni prima lascia pochi dubbi: sette capoluoghi di provincia su dieci hanno perso complessivamente centomila abitanti (100.084, per la precisione) a favore soprattutto dei centri limitrofi.
DI MARCO LAPI

A Betlemme nonostante il coprifuoco. Lo hanno detto e lo hanno fatto i 140 toscani partiti per la Terra Santa alla vigilia dell'ultimo dell'anno per un pellegrinaggio organizzato da alcune diocesi, dalla Custodia di Terra Santa, dai Comuni di Pratovecchio e di Montevarchi gemellati con Betlemme e promosso anche dal nostro settimanale. A guidarlo è stato il cardinale Silvano Piovanelli e con lui il vescovo di Montepulciano-Chiusi- Pienza, padre Rodolfo Cetoloni, e due sacerdoti della diocesi di Fiesole: don Angelo Silei e don Giovanni Sassolini.
dall'inviato
ANDREA FAGIOLI

In Terra Santa sfidando il coprifuoco

Piovanelli: non lasciamoli soli

L'impegno della Regione

L'incertezza sembra dominare il futuro di molte aziende toscane. Difficile tracciare una mappa delle difficoltà che minacciano migliaia di posti di lavoro. È il caso della Piaggio che coinvolge, oltre ai dipendenti in cassa integrazione, molte aziende dell'indotto. A subire di più di questa situazione sono proprio le realtà più grandi a dipendere maggiormente dalle difficoltà della fabbrica di scooter, mentre le piccole imprese hanno cercato di diversificare la produzione ricercando più committenti.
DI ENNIO CICALI

Un unico testo che disciplina le attività delle associazioni di promozione sociale in Toscana. Il Consiglio regionale l'ha approvato a maggioranza, con l'astensione del centrodestra e con il voto favorevole di Rifondazione Comunista. Il testo, che unifica tre differenti proposte, intende valorizzare il ruolo dell'associazionismo di promozione sociale. Vengono previste forme di sostegno alla promozione sociale, come la concessione di crediti agevolati alle associazioni per investimenti connessi alle loro funzioni, e la possibilità di attivare per Regione, Province, Comuni e gli altri enti locali, specifici protocolli di intesa con l'associazionismo.
DI SIMONE PITOSSI

"Finché coloro che occupano posizioni di responsabilità non accetteranno di porre coraggiosamente in questione il loro modo di gestire il potere e di procurare il benessere dei loro popoli, sarà difficile immaginare che si possa davvero progredire verso la pace". E' il monito ai governanti che viene da Giovanni Paolo II nel messaggio per la Giornata mondiale della pace che si celebra il 1° gennaio 2003, intitolato "Pacem in terris: un impegno permanente".

Il testo integrale del messaggio

Il discorso alla Curia Romana

La Benedizione «Urbi et orbi»

Le «imprudenze» profetiche di Giovanni XXIII (di Vittorio Citterich)

Una «Giornata» voluta da Paolo VI

A Cremona la marcia della pace del 31 dicembre