Toscana

Toscana stampa

Hanno ancora un senso i circoli socio-culturali e ricreativi cattolici? Lo abbiamo chiesto al sociologo Mario Pollo che ha all'attivo numerose pubblicazioni e una serie di indagini sul mondo dei giovani e le sue dinamiche, con particolare riferimento al campo dell'esperienza e dell'educazione religiosa.

244 circoli Mcl, 220 delle Acli, 183 del Centro sportivo italiano e 140 aderenti all'Anspi. In tutto quasi 800 circoli diffusi nei centri grandi e piccoli della nostra regione. Una realtà ancora vitale, ma che sta attraversando un momento di crisi, soprattutto nell'identità e nel suo rapporto con le comunità cristiane. Ecco il parere dei responsabili regionali di Mcl, Acli e Anspi e quanto è emerso in un convegno organizzato a Firenze dall'Ufficio per la pastorale sociale e del lavoro.
DI ANDREA FAGIOLI

244 circoli Mcl, 220 delle Acli, 183 del Centro sportivo italiano e 140 aderenti all'Anspi. In tutto quasi 800 circoli diffusi nei centri grandi e piccoli della nostra regione. Una realtà ancora vitale, ma che sta attraversando un momento di crisi, soprattutto nell'identità e nel suo rapporto con le comunità cristiane.

Da circa 300 a soli 6 gestori misti (pubblici e privati) e una suddivisione per «ambiti territoriali ottimali». Tutto ciò per soddisfare un fabbisogno complessivo di circa 700 milioni di metri cubi all'anno e per dare servizi sempre più efficienti. È questa la rivoluzione nella gestione dell'acqua che è appena stata avviata in Toscana e che prevede ingenti investimenti per i prossimi anni per adeguare acquedotti, fognature e impianti di depurazione. Ma efficienza e razionalizzazione si faranno pagare. E il prezzo delle bollette è destinato a salire e non poco. E l'acqua diventerà un vero e proprio «oro blu».
DI SIMONE PITOSSI

Una folla di pellegrini ha partecipato domenica scorsa in piazza San Pietro alla solenne Messa celebrata da Giovanni Paolo II per la canonizzazione di Padre Pio da Pietrelcina. I circa 300.000 pellegrini, provenienti da ogni parte del mondo, hanno colpito la sensibilità di Giovanni Paolo II, che ne ha elogiato il "coraggio", per aver affrontato il caldo e "il sacrificio di rimanere in piedi per lungo tempo". Lo spettacolo si presentava domenica davvero imponente. La folla gremiva non solo Piazza San Pietro e via della Conciliazione, ma anche le strade adiacenti.
DI CARLO CAVIGLIONE

L'omelia del Papa

Una devozione che si credeva persa -- DI CARLO LAPUCCI

Un santo a furor di popolo

 

Si calcola che la canonizzazione del cappuccino di Pietrelcina richiami a Roma almeno mezzo milione di persone. In occasione di questo evento abbiamo sentito mons. Giancarlo Setti, il primo responsabile nazionale dei «Gruppi di preghiera di Padre Pio» e gli altri «amici» toscani del santo.

Dove sta andando l'agriturismo toscano?». È la domanda da cui la Coldiretti e gli operatori del settore sono partiti per fare il punto della situazione su un settore vincente, che si trova, però, ad affrontare nuovi scenari. Sono stati questi i punti su cui si è dibattuto mercoledì 5 giugno, presso l'agriturismo Salvadonica a San Casciano Val di Pesa (Firenze), alla presenza di Alessandra Lucci presidente Coldiretti Toscana e di Francesca Buonagurelli di Terranostra Lucca.
DI REBECCA ROMOLI