Toscana
stampa

AEROPORTO FIRENZE: REGIONE, SVILUPPO COMPATIBILE CON NECESSITÀ ABITANTI

Percorsi: Regione
Parole chiave: aeroporti (69), pisa (74), firenze (398), regione toscana (1598)

(ASCA) -"La qualificazione dell'aeroporto, pur necessaria data l'inadeguatezza della pista attuale, deve necessariamente tener conto del contesto in cui si inserisce, e dare garanzie per quanto riguarda la compatibilità dell'intervento con la qualità di vita degli abitanti della piana". Lo ha ribadito l'assessore all'Urbanistica della Regione Toscana, Anna Marson, presentando la variante di integrazione al Pit (Piano di indirizzo territoriale) relativa al Parco agricolo della piana e alla qualificazione dell'aeroporto di Firenze, approvata dalla giunta regionale lunedì scorso. "La scelta di tenere insieme in un unico atto il progetto di parco agricolo e la qualificazione dell'aeroporto - ha sottolineato Marson - ha suscitato non poche polemiche. L'aeroporto di Peretola, come noto, è collocato all'interno di un'area densamente urbanizzata, attraversata da numerose infrastrutture e su cui gravano ulteriori opere già programmate. Il progetto di parco agricolo si propone di migliorare complessivamente la qualità ambientale e paesaggistica della piana, promuovendo nel contempo attività agricole capaci di generare anche lavoro e reddito".
L'atto approvato della giunta ha delineato un percorso di pianificazione all'interno del quale le due ipotesi di pista fattibili dal punto di vista aeronautico (quella che consente di prolungare la pista attuale arrivando alla lunghezza di 1960 metri e quella di una nuova pista in direzione Firenze-Prato) siano discusse e valutate pubblicamente in modo approfondito, con tutti i soggetti interessati (abitanti compresi), comparando i pro e contro, e arrivando a scegliere la soluzione più soddisfacente. "A tal fine - spiega Marson - una serie di aspetti ambientali rilevanti, quali l'impatto acustico, la qualità dell'aria, la salute, già trattati nel percorso di VAS (valutazione ambientale strategica) che accompagna l'iter di adozione e approvazione della variante al PIT, andranno ulteriormente approfonditi: nella fase di osservazioni al Rapporto ambientale, nel dibattito pubblico sulle ipotesi di pista, nella valutazione di impatto ambientale del progetto. E ulteriori questioni andranno trattate, quali i sentieri di decollo e di atterraggio, i rischi di bird strike, gli eventuali sorvoli su Firenze (difficilmente regolabili e dunque probabili nel caso di pista parallela) e così via". Qualunque sia l'ipotesi di pista che uscirà dal dibattito pubblico come maggiormente utile a garantire i minori impatti sulla qualità di vita degli abitanti, sull'ambiente e sull'assetto complessivo del territorio della piana (parco agricolo compreso), "sarà in ogni caso fondamentale - sottolinea l'assessore - definire un congruo limite al numero di voli esercitati da e per Peretola".

AEROPORTO FIRENZE: REGIONE, SVILUPPO COMPATIBILE CON NECESSITÀ ABITANTI
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento