Toscana
stampa

Al Meyer una nuova aula studio per i ragazzi ricoverati

Un’aula studio nuova di zecca, dove i ragazzi della secondaria di primo e secondo grado seguiti dalla scuola ospedaliera del Meyer potranno fare lezione e studiare insieme agli insegnanti. 

Aula scolastica all'ospedale Meyer di Firenze

È stata inaugurata questa mattina, pronta per la campanella del 16 settembre. Questo nuovo spazio, studiato per garantire tranquillità e riparo dai rumori, è attrezzato con una lavagna luminosa e due scrivanie che potranno accogliere i ragazzi di medie e superiori e i loro insegnanti.

La mattina ospiterà le attività didattiche e il pomeriggio sarà a disposizione dei docenti che fanno parte della rete di scuola ospedaliera e dei docenti volontari coinvolti nel progetto didattico. La nuova aula studio della secondaria si aggiunge a quella che ospita la scuola primaria, inaugurata all'inizio dello scorso anno scolastico: in questo modo il Meyer ha completato il restyling dei suoi ambienti didattici.

Sempre questa mattina, nella Ludoteca del Meyer è stato anche rinnovato il protocollo di intesa che garantisce il servizio di scuola ospedaliera, strumento prezioso per fare in modo che bambini e ragazzi ricoverati in ospedale possano continuare il loro ciclo di studi senza interruzioni. A firmare l’intesa l’Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana, l’Azienda USL Toscana Centro, la Fondazione Meyer e gli insegnanti volontari dell’associazione “Amici del Meyer” che affiancano quelli delle scuole di provenienza nella gestione del percorso scolastico ospedaliero.

Anche la valorizzazione della scuola in ospedale è un altro piccolo tassello di quell’umanizzazione delle cure che da sempre sta a cuore al Meyer.

Fonte: Comunicato stampa
Al Meyer una nuova aula studio per i ragazzi ricoverati
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento