Toscana
stampa

Alluvione in Maremma: il cordoglio dell'Enel per i tre operai morti

Identificati i corpi dei tre operai dell'Enel morti nel crollo di un ponte nel comune di Manciano. Il cordoglio dei vertici dell'Azienda.

Percorsi: Alluvioni - Lavoro - Maremma
Parole chiave: Enel (50), maltempo (267)

Erano tre operai dell'Enel che stavano tornando a casa da una riunione di lavoro a Roma, le tre vittime, due uomini e una donna, del tragico incidente avvenuto ieri sera sul ponte crollato sulla strada maremmana di Sant'Andrea, nel comune di Manciano. Erano tutti impiegati presso la centrale geotermica di Larderello: Paolo Bardelloni, 59 anni, coniugato, residente a Grosseto; Antonella Vanni, 48 anni, coniugata, residente a Larderello; Maurizio Stella, 47 anni, coniugato, residente a Follonica.

«Il consiglio di Amministrazione di Enel, riunito a Roma per l'approvazione dei risultati dei primi nove mesi del 2012 sotto la presidenza di Paolo Colombo, - si legge in comunicato della società elettrica - esprime il più profondo cordoglio a nome di tutta l'azienda per la scomparsa dei tre colleghi nel fatale incidente".
 
"Sono profondamente colpito da questa tremenda notizia. Tutta Enel è vicina alle famiglie dei colleghi morti tragicamente nella serata di ieri e ne condivide il profondo dolore" ha detto l'amministratore delegato Fulvio Conti.
Il direttore della Divisione Energie Rinnovabili di Enel Francesco Starace si sta recando all'ospedale di Orbetello dove sono stati composti i corpi dei tre colleghi.

Fonte: Comunicato stampa
Alluvione in Maremma: il cordoglio dell'Enel per i tre operai morti
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento