Toscana
stampa

Ambiente. Test di Goletta Verde su foci fiumi toscani: «9 inquinate, mare soffre»

Su 20 punti monitorati, «ben nove sono risultati con cariche batteriche molto elevate. E sono in particolare i fiumi a continuare a riversare in mare scarichi non depurati, con gravi rischi non soltanto per l'ecosistema marino ma anche per la stessa salute dei bagnanti». È questo il bilancio del monitoraggio svolto lungo le coste toscane dall'équipe tecnica di Goletta Verde, la storica campagna di Legambiente sullo stato di salute delle coste e delle acque italiane.

Percorsi: Ambiente - Mare
Prelievi sulle acque alle foci dei fiumi toscani da parte di Goletta verde

Due, quindi, gli esposti sulle situazioni più critiche: uno per la foce del fosso di Mola, sull'isola d'Elba. L'altro, come l'anno scorso, per la foce del torrente Carrione, a Marina di Carrara, «il sito più inquinato della costa toscana da dieci anni a questa parte».

Il report elenca nel dettaglio tutti i punti monitorati. Due in provincia di Lucca, con la foce del fosso Montrone, a Pietrasanta, giudicata inquinata. Fa peggio la foce del fosso dell'Abate, a Lido Camaiore, nel Comune di Viareggio, che è indicata come fortemente inquinata. A Pisa risulta inquinato il prelievo sul canale del Navicelli a Calambrone. Entro i limiti di legge, invece, le analisi alla foce del fiume Serchio, a Migliarino nel Comune di Vecchiano. Dei sette punti monitorati in provincia di Livorno, tre sono risultati fortemente inquinati, due inquinati e altrettanti entro i limiti. Tra i fortemente inquinati c'è anche la spiaggia di fronte al fosso Camilla, a Marina di Bibbona. Infine, sei i campioni raccolti in provincia di Grosseto, di cui due giudicati fortemente inquinati: sulla foce del fiume Gora, a Follonica, e a Neghelli, a Orbetello, sul luogo vicino ad uno sversamento in spiaggia denunciato nei mesi scorsi dai cittadini.

«La Toscana ha 2,2 infrazioni per ogni chilometro di costa- spiega Davide Sabbadin, portavoce di Goletta Verde-, con numeri maggiori nell'ambito delle illegalità nel ciclo dei rifiuti e del cemento, e nei reati legati al codice della navigazione». Questa 'fotografia', aggiunge Fausto Ferruzza, presidente regionale di Legambiente, «ci restituisce per l'ennesima volta una Toscana a due facce, quella ancora incerta dell'area settentrionale, con l'unica bella eccezione di Marina di Vecchiano, e quella eccezionale, con performance ambientali paragonabili alla Sardegna, della Maremma Grossetana». I dati all'Elba, infine, «confermano sostanzialmente i risultati dello scorso anno», commenta Umberto Mazzantini di Legambiente Arcipelago. «La situazione della zona umida di Mola, nel parco nazionale dell'arcipelago toscano, si conferma preoccupante. Qui- prosegue- i livelli di inquinamento non sembrano dipendere dal depuratore di Capoliveri, ma probabilmente da scarichi abusivi in un'area di altissimo valore naturalistico ed importantissima per la fauna stanziale e migratoria, con la presenza di specie rare e spesso uniche».

Fonte: Agenzia Dire
Ambiente. Test di Goletta Verde su foci fiumi toscani: «9 inquinate, mare soffre»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento