Toscana
stampa

Assistenza religiosa ai malati Covid: se la Comunione la porta l’infermiera

Medici e infermieri che diventano Ministri straordinari dell’Eucaristia, portando la Comunione ai pazienti ricoverati per coronavirus. Era già successo a primavera, all’ospedale di Santa Maria Annunziata a Ponte a Niccheri (Bagno a Ripoli). Adesso, con la seconda ondata e la riapertura dei reparti Covid, don Umberto Cavini è tornato a chiedere l’aiuto del personale dell’ospedale.

Percorsi: Sacramenti - Sanità
infermiera con Eucaristia

Racconta don Umberto: «Adesso sono in pensione ma continuo a fare servizio in ospedale, come volontario, grazie a un accordo con la direzione sanitaria». Rispetto a primavera, racconta, «il clima nell’ospedale è più teso, medici e infermieri sono stanchi. A marzo c’era l’emergenza, si sentiva la vicinanza e l’attenzione della gente, c’erano gli applausi dai balconi. Adesso sembra che dei loro sacrifici non si ricordi più nessuno».
Col ritorno dei reparti Covid, è tornata anche la necessità di far arrivare il conforto dei sacramenti alle persone ricoverate che lo desiderano, senza interferire con il lavoro del personale sanitario e le complesse procedure di sicurezza. E come a primavera, alcuni tra infermieri e medici si sono resi disponibili a portare ai malati la Comunione. Don Umberto segue il gesto dal vetro delle finestre: «Consegno a medici e infermieri una busta, segnata con la croce, con dentro l’ostia consacrata. Loro sono consapevoli di quello che fanno, l’atto di cui sono strumento. I malati spesso, ricevendo la busta, si voltano verso la finestra da dove io li guardo: sanno di ricevere il corpo di Cristo e cercano con gli occhi il prete che ha consacrato quell’ostia. È lo sguardo di chi cerca la presenza di Dio che lo ama. È un atto di Chiesa, di presenza di Chiesa accanto a chi soffre e spera».

Assistenza religiosa ai malati Covid: se la Comunione la porta l’infermiera
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento