Toscana
stampa

Caritas Pisa, Natale alla casa di accoglienza per carcerati e ex detenuti

La celebrazione del Natale a "Misericordia Tua", la casa d’accoglienza per carcerati ammessi alle misure alternative ed ex detenuti di Sant’Andrea a Lama. Don Morelli: "Qui si sperimenta il senso profondo del Natale"

Percorsi: Caritas - Diocesi di Pisa
caritas pisa

“In un luogo come questo, in cui si accoglie un’umanità ferita, prendendosene cura e accompagnandola verso percorsi di reinserimento sociale, si può davvero sperimentale il senso profondo di questo Natale, sicuramente diverso perché ci manca qualcosa, ma forse più vero, che ci ha permesso di scoprirci più vicini anche se distanziati, più aperti anche se con il volto in maschera, più disposti a collaborare se scopriamo quanto è importante fare le cose insieme”. Per celebrare il Natale il direttore della Caritas di Pisa don Emanuele Morelli ha scelto “Misericordia Tua”, la casa d’accoglienza della diocesi a Sant’Andrea a Lama (Calci) che da due anni ospita carcerati ammessi alle misure alternative ed ex detenuti,  Sette quelli accolti complessivamente dall’inaugurazione ad oggi e quattro quelli presenti in questo periodo.

Nella chiesa di Sant’Andrea Apostolo, la più antica del territorio calcesano e attigua alla canonica che ospita la casa d’accoglienza, con loro, ieri mattina (25 dicembre), oltre a don Emanuele Morelli c’erano anche alcuni componenti della “squadra” di Misericordia Tua: dallo psicologo Lorenzo Lemmi, al  custode Luciano Zorzi fino ad alcuni dei volontari che svolgono servizio nella struttura, oltre a un gruppo di credenti dei dintorni che hanno voluto celebrare il Natale con i “i vicini di casa” e, ovviamente, a Vittorio Cerri, per 19 anni direttore del “Don Bosco” di Pisa e ora responsabile di “Misericordia Tua”: “La nostra comunità vive in questo luogo da due anni e insieme ce la stiamo mettendo tutta per “fondare la casa sulla roccia”. – ha detto -- Una roccia spirituale innanzitutto, perché come diceva sempre don Bosco, citando il salmo 126: “Se il Signore non fonda la casa, invano i costruttori si adoperano...”. Per questo ringraziamo l'arcivescovo che continuamente ci mostra la sua vicinanza ed il frutto della sua preghiera, i sacerdoti dell'arcidiocesi, la Caritas e la Cappellania del Carcere. Ma anche – ha proseguito Cerri - una roccia sociale, perché il nostro sviluppo, dovendo essere lento e sicuro, è dovuto alla bella e proficua sinergia con la Magistratura di Sorveglianza, senza la cui fiducia non saremmo andati lontano, con l'Ufficio di Esecuzione penale esterna di Pisa e la relativa direzione generale di Firenze, vera colonna di questa istituzione, il Carcere di Pisa e degli “angeli” locali della legge: i Carabinieri di Calci, sotto il cui occhio competente e vigile si svolge serena la vita di questa casa.

Auguri dunque agli abitanti di sant'Andrea e di tutto il territorio calcesano ed infine un coloro abbraccio ai nostri operatori e volontari – ha concluso -: il vicedirettore, il ragioniere, il brigadiere della polizia penitenziaria, il cappellano, la suora, Daniela e Maria Chiara di Controluce e soprattutto Luciano, il prezioso custode, a Paolo, Matteo e Alessio. Il Signore conceda a tutti un santo Natale”

Fonte: Comunicato stampa
Caritas Pisa, Natale alla casa di accoglienza per carcerati e ex detenuti
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento