Toscana
stampa

Crisi Bekaert, Di Maio e Rossi: «Massima attenzione»

«Sulla delicatissima vicenda Bekaert c’è la massima attenzione a livello regionale, nazionale ed europeo». Così, in una nota congiunta, il ministro dello Sviluppo Economico e del Lavoro, Luigi Di Maio, e il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, in merito alla multinazionale belga che ha deciso di chiudere improvvisamente lo stabilimento di Figline e Incisa Valdarno (Firenze) per delocalizzare in Romania. 

Presidio davanti alla Bekaert di Figline Valdarno

«Parliamo di 318 lavoratori diretti e circa 100 dell’indotto – aggiungono Di Maio e Rossi – che rischiano di perdere il proprio posto di lavoro. Oltre 400 famiglie, non numeri. Il 5 luglio ci sarà un tavolo presso il Ministero dello Sviluppo Economico, al quale chiediamo sia presente anche Pirelli, per un confronto concreto e immediato». Venerdì 30 giugno c’è stata una manifestazione a Figline alla quale hanno partecipato oltre 5 mila persone.

«Al Parlamento europeo – aggiunge Di Maio – abbiamo già presentato un’interrogazione alla Commissione europea affinché venga fatta chiarezza su eventuali violazioni delle direttive UE da parte della Bekaert. Anche in Europa le istituzioni devono prendere una posizione in merito a queste pratiche che spostano lavoro e profitti per motivi economici o fiscali, calpestando i cittadini. Chiederò, a questo proposito, di avere un confronto con la Commissaria europea per la concorrenza, Margrethe Vestager, anche al fine di capire quali siano le azioni concrete che la Commissione intende portare avanti per risolvere l’annoso problema delle delocalizzazioni selvagge e dei paradisi fiscali a norma di legge presenti tutt’oggi in Europa». «Nel “Decreto Dignità” – conclude il Ministro dello Sviluppo Economico e del Lavoro – è prevista una stretta alle delocalizzazioni proprio per evitare che, dopo aver ricevuto aiuti da parte dello Stato, le aziende spostino la produzione all’estero»

Gli eurodeputati del Pd Nicola Danti e Simona Bonafè sottolineano però che «ci sono voluti 10 giorni prima che anche il ministro Di Maio si accorgesse finalmente della Bekaert di Figline e si unisse alle nostre richieste. Siamo contenti – concludono – di averlo a nostro fianco nella battaglia a difesa dei lavoratori e di un’azienda che segna la storia di Figline e di tutto il Valdarno».

Fonte: Comunicato stampa
Crisi Bekaert, Di Maio e Rossi: «Massima attenzione»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento