Toscana
stampa

ELEZIONI ISRAELE: TRE PARLAMENTARI CATTOLICI NELLA KNESSET; MONS. MARCUZZO, «UN SEGNO FORTE»

Percorsi: Mondo

Ci saranno anche tre parlamentari cattolici, due uomini ed una donna, a sedersi negli scranni della 17ma Knesset, quella uscita fuori dal voto del 28 marzo e che ha sancito la vittoria, ma non il trionfo di Kadima, e l'affermazione dei partiti laburista, dei pensionati, della destra russa e la sconfitta della destra storica, il Likud. A rivelarlo al Sir è mons. Giacinto Boulos Marcuzzo, vescovo di Nazareth commentando il risultato del voto di ieri in Israele. Si tratta del greco-cattolico Azmi Bishara eletto nella lista nazionalista panaraba dell'Assemblea, di Hanna Sued, eletto in un lista vicina al partito socialista e di Nadia Helou, eletta tra i laburisti.

“E' la prima volta che alla Knesset siedono contemporaneamente tre cattolici – afferma mons. Marcuzzo – ed è un frutto di quel cammino intrapreso anni fa dal sinodo diocesano indetto dal patriarca Sabbah nel quale grande importanza venne data all'impegno politico e di cittadinanza dei cattolici nella società. Anche i nostri fedeli devono partecipare alla costruzione del bene comune e della pace senza vivere ai margini della società. E' un segno importante che arriva dal voto che ci impegna ancora di più come credenti”.
Sir

Dietro la vittoria di Olmert la fine del «Grande Israele»

ELEZIONI ISRAELE: TRE PARLAMENTARI CATTOLICI NELLA KNESSET; MONS. MARCUZZO, «UN SEGNO FORTE»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento