Toscana
stampa

FUNERALI VACLAV HAVEL: MONS. DUKA (PRAGA), CORAGGIO E PERSEVERANZA. TELEGRAMMA DEL PAPA

Percorsi: Mondo

(SIR Europa – Bratislava) - “Quando la morte giunge ed ordina ad un uomo di finire, le sue dichiarazioni si odono fortemente. E, quindi, quando qualcuno se ne va, emergono i momenti che abbiamo trascorso insieme”. Così l'arcivescovo di Praga e presidente della Conferenza episcopale della Repubblica Ceca, mons. Dominik Duka, nell'omelia della messa funebre per Vaclav Havel. I rappresentanti della vita politica, sociale e religiosa di tutto il mondo si sono riuniti oggi nella Cattedrale di San Vito a Praga, per rendere omaggio all'ultimo presidente della Cecoslovacchia e primo presidente della Repubblica Ceca, uno dei protagonisti principali della caduta del regime comunista. Secondo mons. Duka, contro tutte le aspettative, i sogni del defunto si sono avverati: “La caduta del disumano regime di Husak protetto dall'Armata Sovietica e il ripristino dell'indipendenza e della democrazia” nel Paese. L'arcivescovo ha ricordato la convinzione di Havel che “verità e amore devono prevalere sulla menzogna e sull'odio” e ha messo in evidenza che il mistero del suo “coraggio e perseveranza” è tutto nascosto in quell'intima convinzione.
In questo contesto, ha continuato mons. Duka, è naturale che negli ultimi giorni della sua vita Havel abbia detto che “non dovremo preoccuparci del prossimo anno e neanche della crisi, se stiamo uniti”. I cambiamenti politici del 1989 sono stati caratterizzati dalla canonizzazione di Sant'Agnese di Boemia e, secondo l'arcivescovo, è simbolico che l'uomo che è stato uno dei suoi principali protagonisti ci abbia lasciati proprio negli ultimi giorni dell'Anno Santo di Sant'Agnese, che si celebra nella Repubblica Ceca. “Che vi accompagni – gentile e piena di solidarietà con chiunque soffra per le ingiustizie – al regno della Verità e dell'Amore”, ha concluso mons. Duka.
“Avendo tristemente appreso della scomparsa dell'ex presidente Václav Havel, invio le mie più sentite condoglianze in questo momento di cordoglio nazionale. Mi unisco a tutti coloro che si sono riuniti nella Cattedrale di San Vito per il solenne rito funebre nell'affidare l'anima del defunto alla misericordia infinita del nostro Padre celeste”. È un passaggio del telegramma di cordoglio inviato questa mattina da Benedetto XVI al presidente della Repubblica Ceca, Václav Klaus. “Ricordando con quanto coraggio Havel difese i diritti umani in un momento in cui essi erano sistematicamente negati al popolo del vostro Paese e rendendo omaggio alla sua preveggente guida nel forgiare un nuovo governo democratico dopo la caduta di quello precedente – sottolinea il Papa -, rendo grazie a Dio per la libertà di cui ora gode il popolo della Repubblica Ceca”. (Sir)

FUNERALI VACLAV HAVEL: MONS. DUKA (PRAGA), CORAGGIO E PERSEVERANZA. TELEGRAMMA DEL PAPA
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento