Toscana
stampa

Fusioni, alle urne in dieci Comuni toscani. La Cisl invita a votare «sì»

i residenti in dieci Comuni toscani sono chiamati al voto domenica 11 e la mattina di lunedì 12 novembre per esprimersi su ipotesi di fusione. La Cisl di Firenze Prato invita a votare sì per i due che riguardano il Chianti e la Valdisieve.

Percorsi: Cisl - Comuni - Toscana
Voto

Cinque referendum consultivi per dieci Comuni che hanno scelto di fondersi, a due a due. Sono i Comuni di Asciano e Rapolano in provincia di Siena, Ortignano Raggiolo e Bibbiena nell’aretino, Montepulciano e Torrita di Siena ancora nel senese, Dicomano e San Godenzo nella parte di Mugello che guarda la Valdisieve e infine, in provincia ancora di Firenze, Barberino Valdelsa e Tavarnelle, fino al 1893, per seicento anni, un comune unico, poi separati e più di recente tornati a collaborare all’interno della stessa Unione comunale.

I cinque referendum si svolgeranno in tutti e dieci i comuni domenica 11 novembre 2018 e la mattina di lunedì 12.

Dal 2012 ce ne sono già stati altri ventisei: l’ultimo lo scorso maggio a Villa e Castiglione di Garfagnana, con un risultato divergente nei due territori. Sei anni fa la Toscana contava 287 Comuni, che già in proporzione erano assai di meno che in altre regioni, effetto anche delle riforme settecentesche del granduca Pietro Leopoldo.

All’inizio di quest’anno se ne contavano 274, tredici in meno come i sì che fino al 2017 hanno prevalso in tredici referendum su venticinque. Ci sono Comuni che sono passati da gestioni associate di servizi e unioni, altri si sono fusi senza tappe intermedie.

La Regione ogni volta ha incentivato la scelta con 500 mila euro l’anno (per cinque anni) di contributi straordinari, 250 mila euro per ogni vecchio comune. A queste risorse utili per dare fiato a progetti rimasti troppo a lungo nel cassetto o per tamponare tagli sui trasferimenti statali si sono sommate deroghe sulla spesa in bilancio e contributi statali straordinari, per dieci anni, pari al 50 per cento dei trasferimenti erariali attribuiti per l’anno 2010, fino ad un massimo di 2 milioni per ciascun beneficiario.

Sulle unioni tra Tavarnelle e Barberino Valdelsa nel Chianti e San Godenzo e Dicomano in Val di Sieve, la Cisl di Firenze Prato invita a votare sì ritenendole «una opportunità per dare risposte migliori alla domanda di servizi dei cittadini, perché possono portare ad una razionalizzazione delle risorse umane ed economiche in modo dar far fronte in maniera più efficace alle giuste richieste della popolazione».

«In particolare  - prosegue la Cisl - ci aspettiamo miglioramenti nel lotta alla povertà e all’aiuto alle famiglie, così come una risposta più efficace all’emergenza abitativa e alle condizioni di disagio di anziani e disabili. (…) Inoltre gli incentivi economici previsti dalla Regione Toscana (per cinque anni) e dallo Stato (per dieci anni) possono permettere di fare investimenti in scuole, sport, cultura, verde pubblico altrimenti difficili da effettuare».

Fusioni, alle urne in dieci Comuni toscani. La Cisl invita a votare «sì»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento