Toscana
stampa

GAZA, IRIN (ONU): I CIVILI RIENTRANO NELLE CASE, MA MOLTI NON SANNO DOVE ANDARE

Percorsi: Mondo
Parole chiave: gaza (176), israele (265), palestina (260), medio oriente (393)

Oltre 1300 morti e più di 5400 feriti. E' questo il bilancio aggiornato ad oggi della guerra a Gaza fornito dall'Unrwa, l'organismo Onu che si occupa dei palestinesi, e riferito da Irin, l'ufficio per il Coordinamento degli affari umanitari delle Nazioni Unite. “Una relativa calma sembra regnare a Gaza – afferma Irin – dopo tre settimane di conflitto” grazie al cessate il fuoco dichiarato separatamente da Hamas e da Israele, che continua il ritiro graduale delle sue truppe dalla Striscia. “Molte persone stanno facendo ritorno a casa – dichiara Irin citando fonti giornalistiche locali – trasportando quello che possono su dei muli. Purtroppo molti di loro hanno perso tutto con l'abitazione distrutta e non sanno dove andare. Si calcola che l'esercito israeliano abbia distrutto il 15% delle abitazioni ed anche molte infrastrutture”. Difficoltà che si vanno ad aggiungere a quelle sanitarie con ospedali sotto pressione per il continuo afflusso di feriti, “molti dei quali causati da esplosioni e a rischio amputazione” come spiegano fonti della Mezzaluna rossa. “I civili – ha dichiarato il responsabile dell'Unrwa a Gaza, John Ging – sono quelli che hanno pagato il prezzo più alto del conflitto. Ora la principale urgenza è quella di ricostruire la loro dignità e la loro esistenza”. (Sir)

GAZA, IRIN (ONU): I CIVILI RIENTRANO NELLE CASE, MA MOLTI NON SANNO DOVE ANDARE
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento