Toscana
stampa

Grande novità nel panorama sindacale toscano: una sola Cisl per Firenze e Prato

Sarà il Congresso a sancire lo storico passaggio. Per un sindacato più snello, più funzionale, più vicino a lavoratori e pensionati. La riunione organizzativa si svolge martedì 12 e mercoledì 13 marzo presso l'Hotel Delta Florence a Calenzano (Firenze). Domani previsto l’intervento del sindaco di Firenze, Matteo Renzi

Percorsi: Firenze - Lavoro - Prato - Sindacati
Parole chiave: matteo renzi (101)

La Cisl riesce dove la politica si è finora arenata e dà vita a un’unica struttura sindacale per le province di Firenze e Prato. Una semplificazione per rendere il sindacato più snello, più funzionale, più vicino a lavoratori e pensionati. Avverrà domani e dopodomani all’Hotel Delta Florence di Calenzano (via Vittorio Emanuele 3, uscita Calenzano dell’A/1) dov’è in programma il 1° Congresso territoriale Cisl Firenze e Prato. Si tratta di una novità assoluta perché Prato, anche prima di diventare provincia, ha sempre avuto una sua struttura territoriale Cisl.

La nuova Cisl di Firenze e Prato avrà oltre 73 mila iscritti (57.860 a Firenze, 15.357 a Prato) 3/5 dei quali lavoratori attivi (43.617 a fronte di 29.600 pensionati) e nasce al termine di un percorso congressuale che ha già visto tutte le categorie Cisl di Firenze e di Prato creare una struttura unica, con l’elezione di una sola segreteria. Così avverrà anche al termine del congresso territoriale Cisl, che eleggerà un solo Consiglio Generale composto di 84 membri (contro i 160 che componevano i due Consigli di Firenze e di Prato), una sola segreteria e un solo segretario generale. I segretari generali uscenti sono Roberto Pistonina per Firenze e Marco Bellandi per Prato.

La fusione si inquadra nella riforma organizzativa Cisl lanciata a livello nazionale e punta a rendere disponibili più operatori per i posti di lavoro e il territorio. In sostanza più soldati e meno ufficiali.Un cambiamento dettato non solo dall’esigenza di semplificazione e razionalizzazione delle strutture, ma anche da quella dimigliorarne la funzionalità, alla luce delle trasformazioni del sistema economico/produttivo e di pari passo con la grande attenzione che la Cisl ha scelto di dedicare alla contrattazione di secondo livello, aziendale o territoriale, individuato come principale snodo dell’attività sindacale, per aumentare produttività e salario, migliorare le condizioni di lavoro, sorvegliare su salute e sicurezza.

A livello nazionale si passerà così da 114 strutture territoriali a 76. Nei prossimi due anni ci sarà un ulteriore processo di accorpamento che riguarderà alcune categorie tra di loro, a livello nazionale e locale, come ad esempio l’unione di Fim (metalmeccanici) e Femca (tessile, abbigliamento, chimica, farmaceutica), per dare vita ad una grande Federazione dell’industria manifatturiera.

I lavori si apriranno domani, martedì 12 marzo, alle ore 9,30. Alle 10 è in programma la relazione del segretario generale uscente della Cisl di Firenze, Roberto Pistonina, poi il saluto degli ospiti, tra i quali ha confermato la presenza anche il sindaco di Firenze, Matteo Renzi. Rispetto al programma iniziale è stato anticipato alle ore 12,30 l’intervento del segretario nazionale Cisl Maurizio Petriccioli. Seguirà, nel ‘pomeriggio, il dibattito congressuale.Mercoledì 13 ancora spazio al dibattito al mattino, mentre nel pomeriggio ci sarà l’intervento del segretario generale Cisl Toscana, Riccardo Cerza. A seguire le votazioni per l’elezione degli organi della nuova Cisl di Firenze e Prato.

Fonte: Comunicato stampa
Grande novità nel panorama sindacale toscano: una sola Cisl per Firenze e Prato
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento