Toscana
stampa

IRAQ, DICHIARAZIONE CONGIUNTA CRISTIANI E MUSULMANI: «LUOGHI SACRI PROFANATI»

Percorsi: Mondo
Parole chiave: dialogo interreligioso (276), kek (64), wcc (34), iraq (230), cristiani perseguitati (551), islam (208)

Cristiani e musulmani esprimono la loro “condanna per ogni atto di violenza che mira a colpire luoghi di culto e luoghi sacri, profanandoli e minacciando la sicurezza dei fedeli”. Lo fanno in una dichiarazione congiunta diffusa ieri sera dal Centro ecumenico di Ginevra dove dal 1 novembre è in corso una consultazione internazionale alla quale stanno partecipando una sessantina di rappresentanti musulmani e cristiani su invito del Consiglio ecumenico delle Chiese (Wcc). Al summit – dal titolo "Trasformare le Comunità: Cristiani e musulmani per costruire un futuro comune" - hanno preso la parola Sua Altezza Reale il Principe Ghazi bin Muhammad bin Talal, inviato personale e consigliere speciale di Sua Maestà il Re Abdullah II di Giordania, Muhammed al-Sammak, segretario generale del “National Council for Christian-Muslim Dialogue” in Libano e membri della World Islamic Call Society. Da parte cristiana, sono intervenuti, tra gli altri, il segretario generale del Consiglio ecumenico delle Chiese, Rev. Olav Fykse Tveit, e il metropolita Emmanuel, presidente della Conferenza delle Chiese d'Europa (Kek). Oggi pomeriggio la consultazione si conclude con una conferenza stampa.
I partecipanti – così si legge nel comunicato diffuso – sono rimasti “scioccati” dalla notizia dell'attentato terroristico nella chiesa siro-cattolica di “Nostra signora” a Bagdad, che ha provocato 58 vittime e numerosi feriti e “condannano questo atto disumano che contraddice ogni insegnamento religioso e la cultura del Medio Oriente che da molti secoli permette alle persone di questa terra di coesistere pacificamente”. Nella dichiarazione cristiani e musulmani condannano “inoltre qualsiasi atto criminale che va contro il diritto di vivere in dignità e la libertà di culto e di religione” ed “implorano le Nazioni Unite e il Consiglio di sicurezza e tutti i gruppi che reclamano una pace giusta, e soprattutto i funzionari iracheni, di intervenire per porre fine a tutti gli attacchi terroristici volti a colpire il popolo iracheno, a prescindere dalla loro appartenenza religiosa, e a profanare i luoghi sacri cristiani e islamici”. Nella dichiarazione i leader religiosi esprimono anche “il nostro sentito cordoglio alle famiglie delle vittime, assicurando loro le nostre preghiere. Preghiamo Dio Onnipotente di aiutare le autorità irachene e le Nazioni Unite perché lavorino seriamente per implementare sicurezza, giustizia e pace per il popolo iracheno che merita di vivere con le diversità religiose ed etniche.
Sir

IRAQ, DICHIARAZIONE CONGIUNTA CRISTIANI E MUSULMANI: «LUOGHI SACRI PROFANATI»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento