Toscana
stampa

IRAQ: KIRKUK, LIBERI I QUATTRO CRISTIANI RAPITI. PER LORO UNA MEDIAZIONE CONGIUNTA DELLA CHIESA CALDEA E DEGLI SHEIK MUSULMANI

Percorsi: Mondo

Sono liberi i quattro cristiani rapiti il 4 luglio scorso a Emerli, località colpita recentemente da un attentato che ha provocato 170 morti e 250 feriti. A rendere nota la notizia al Sir è mons. Louis Sako, vescovo di Kirkuk. I quattro erano fuggiti, a causa delle minacce ricevute, dal quartiere di Dora, a Baghdad, per fare ritorno al loro villaggio di origine Dairabun, nel distretto di Zakho nel Kurdistan, quando sono stati sequestrati da un gruppo di terroristi. La liberazione dei quattro fedeli è stata possibile grazie alla mediazione congiunta cristiano-musulmana dello stesso mons. Sako e degli sheik di Kirkuk. “I rapiti – dichiara mons. Sako - sono in buona salute e rendono grazie a Dio per la loro salvezza”.
Sir

IRAQ: KIRKUK, LIBERI I QUATTRO CRISTIANI RAPITI. PER LORO UNA MEDIAZIONE CONGIUNTA DELLA CHIESA CALDEA E DEGLI SHEIK MUSULMANI
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento