Toscana
stampa

IRAQ: PAX CHRISTI INTERNATIONAL, PREMIO ANNUALE PER LA PACE A MONS. LOUIS SAKO

Percorsi: Mondo
Parole chiave: iraq (234), cristiani perseguitati (551), pax christi (18)

Il premio annuale per la Pace di Pax Christi International è andato nel 2010 a mons. Louis Sako, arcivescovo di Kirkuk, in Iraq. Mons. Louis Sako è uno dei difensori delle minoranze in pericolo in Iraq, e un sostenitore convinto del difficile processo di democratizzazione e di riconciliazione in Iraq. Una delegazione di Pax Christi International ha visitato l'Iraq nel 2009 per sottolineare il suo impegno nell'aiuto al popolo iracheno nella ricerca della pace e della riconciliazione. La cerimonia di premiazione è avvenuta ieri nella sede della Conferenza episcopale francese. “La pace è un'esigenza dell'insieme dell'umanità e la sua vera speranza – ha detto mons. Sako alla cerimonia di consegna, nel discorso pubblicato da Asianews -, perché senza di essa non ci sono vita, libertà e dignità. Vengo da un paese martirizzato e da una chiesa perseguitata. So che cosa sono la violenza e la morte, la paura, la sofferenza e la ricerca angosciosa di un rifugio che conduce all'espatrio”. Mons. Sako ha ricordato il massacro della cattedrale di Nostra Signore del perpetuo Soccorso a Baghdad, con numerosi morti (fra i quali due giovani preti) e feriti.
“La pace è la base di tutti i beni – ha sottolineato mons. Sako -. La pace è una benedizione divina: non è fra i musulmani uno dei ‘bei nomi di Dio'? Questa pace nei nostri cuori e nei nostri Paesi ci aiuta a superare difficoltà e ostacoli, ad accettare le differenze e a rispettare le diversità, invece di cancellare chi è diverso da noi”. “Oggi gli iracheni sono chiamati a una pace di riconciliazione e d'amore – ha esortato mons. Sako -, tanto più in questo momento in cui entriamo nel mese di Natale e che i nostri fratelli musulmani hanno finito di festeggiare ‘Al Adha' (il sacrificio)”. Queste due celebrazioni “sono un tempo forte di preghiera e di conversione. E forse i cristiani ovunque oggi hanno bisogno di riciclarsi spiritualmente nel loro cristianesimo e nel loro impegno nel contatto con i cristiani perseguitati”. Mons. Sako ha concluso con l'auspicio “che il sangue dei fedeli martiri porterà a un bene più grande in Iraq e che gli iracheni porranno godere presto, come voi in occidente, della pace e della stabilità”.
Sir

IRAQ: PAX CHRISTI INTERNATIONAL, PREMIO ANNUALE PER LA PACE A MONS. LOUIS SAKO
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento