Toscana
stampa

IRAQ: RAPITORE MONS. RAHHO CONDANNATO A MORTE. MONS. WARDUNI «PERDONO E GIUSTIZIA»

Percorsi: Mondo
Parole chiave: iraq (230), cristiani perseguitati (551)

“Noi perseguiamo la pace, la sicurezza e la riconciliazione dell'Iraq, tutte cose per le quali si è speso in vita mons. Rahho e per le quali continuiamo a lavorare”. Così mons. Shlemon Warduni, vescovo ausiliare di Baghdad commenta al Sir la condanna a morte da parte della autorità irachene di Ahmed Ali Ahmed, leader di Al Qaeda coinvolto nel rapimento e nell'uccisione dell'arcivescovo di Mosul Paulos Faraj Rahho. Come è noto il presule caldeo fu rapito il 29 febbraio e trovato morto il 13 marzo. “Mons.Rahho – afferma Warduni - non avrebbe accettato una simile condanna. I principi cristiani affermano che non è consentito condannare a morte nessuno e ci invitano al perdono, alla riconciliazione e alla giustizia. Alla chiesa irachena interessa la pace, la sicurezza e la riconciliazione del Paese”. Riferendosi alla attuale situazione mons. Warduni ha riferito di “un qualche miglioramento ed anche a Mosul la gente dice che va un po' meglio. La speranza è che duri nel tempo e che Al Qaeda venga sconfitta”.La notizia della condanna di Ahmed Ali Ahmed, noto come Abu Omar, è stata data ieri dal portavoce del Governo Ali al-Dabbagh. Fonti militari già due giorni dopo il ritrovamento di mons. Rahho dissero di aver arrestato un uomo coinvolto nel rapimento. La condanna a morte è stata salutata con soddisfazione dall'ambasciata americana a Baghdad. Non è nota la data dell'esecuzione. (dnr)
Sir

IRAQ: RAPITORE MONS. RAHHO CONDANNATO A MORTE. MONS. WARDUNI «PERDONO E GIUSTIZIA»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento