Toscana
stampa

ISRAELE, NUOVO ATTENTATO A TEL AVIV, SHARON CRITICA SENTENZA AJA SUL MURO

Percorsi: Mondo

Dopo una tregua durata alcune settimane, un nuovo attentato ha sconvolto le strade israeliane. Ieri mattina, alle 7, una bomba è esplosa a Tel Aviv, non lontano dalla stazione centrale degli autobus: una donna è morta e almeno 20 persone sono rimaste ferite. L'attentato è stato rivendicato dalle Brigate dei Martiri di al-Aqsa, braccio armato della principale fazione dell'Olp, il movimento al-Fatah del presidente dell'Anp, Yasser Arafat. Il primo ministro israeliano Ariel Sharon ha detto che quanto avvenuto è la prova che "il muro serve". Soltanto due giorni fa la Corte Internazionale di Giustizia dell'Aja aveva sancito l'illegalità della 'barriera di sicurezza' o 'del muro della vergogna', a seconda del lato da cui si guarda, che Israele sta costruendo in Cisgiordania. Sharon - che ieri aveva definito la sentenza del tribunale dell'Aja "uno schiaffo in faccia" alla lotta al terrorismo - ha detto che l'azione è stata compiuta con gli auspici della Corte internazionale: "L'attentato di stamani - ha continuato - è stato il primo condotto sotto la protezione della Corte internazionale. Voglio chiarire che lo Stato di Israele rigetta assolutamente la sentenza dell'Aja, una sentenza a senso unico e politicamente motivata".
Misna

ISRAELE, NUOVO ATTENTATO A TEL AVIV, SHARON CRITICA SENTENZA AJA SUL MURO
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento