Toscana
stampa

Il volontariato inatteso: ecco il nuovo volto dell'associazionismo toscano

300 mila i volontari toscani. Malati, bambini, anziani e migranti i principali destinatari dell’azione volontaria. Il 78% delle associazioni è iscritto al Registro. Il 20% è un volontariato «inedito»: attivo nel sociale e nella difesa dei beni comuni, di recente costituzione, flessibile e con forte propensione al lavoro di rete e all’animazione territoriale

Parole chiave: cesvot (33), servizio civile (62), bambini (13), malati (22)
Il volontariato inatteso: ecco il nuovo volto dell'associazionismo toscano

E' un «volontariato inatteso» quello che emerge  dalla terza indagine sul volontariato toscano condotta dall’Università di Pisa e pubblicata dal Cesvot. Dalla ricerca “Il volontariato inatteso. Nuove identità nella solidarietà organizzata in Toscana” , a cura di Andrea Salvini e Luca Corchia, emerge un primo importante dato: le 850 associazioni coinvolte nell’indagine mobilitano circa 75 mila volontari Ciò significa che complessivamente i volontari toscani sono circa 300 mila, di cui il 46% è donna. Il 78,3% delle associazioni toscane è iscritto al registro del volontariato. Il 32,7% delle associazioni opera nel settore sociale, il 29,4% nel sanitario, il 13,4% nel socio-sanitario, il 25,5% in ambito culturale, ambientale, tutela dei diritti e volontariato internazionale. Malati, bambini, anziani e migranti i principali destinatari dell’azione volontaria.

Come sottolinea il titolo del volume, il dato forse più significativo della ricerca è l’emersione in Toscana di un volontariato «inatteso» che presenta cioè caratteri inediti e nuovi rispetto al volontariato a cui siamo tradizionalmente abituati. Si tratta di un volontariato consistente seppure minoritario: esprime, infatti, circa il 20% delle associazioni toscane, gran parte delle quali di recente costituzione. Questi i suoi tratti salienti: molto attivo nell’impegno sociale e nella difesa dei «beni comuni» (cultura, ambiente, territorio), lavora in rete con enti locali ed altri soggetti del terzo settore, pragmatico, con forte propensione all’animazione territoriale e comunitaria, tende ad intervenire con azioni mirate di problem solving, talvolta è portatore di competenze e conoscenze di alto livello, presenta una struttura organizzativa fluida e flessibile, può contare su un bacino abbastanza ampio di volontari che spesso svolgono anche altre attività in ambito sociale e culturale.

Complessivamente il volontariato toscano vede una buona percentuale di associazioni (57%) collaborare stabilmente con il Comune, mentre solo il 17,9% con le Provincie. L’83% delle associazioni attive in ambito socio-sanitario collabora, invece, soprattutto con le Asl. La metà di tutto il campione collabora con cooperative e associazioni di promozione sociale e il 45% con scuole e università. Il 30% delle associazioni ha coinvolto i propri volontari in attività di formazione. Rispetto alle attività di comunicazione solo il 30,7% delle associazioni dichiara di comunicare con i propri soci e volontari attraverso mailing list. La ricerca ha anche valutato il cosiddetto ‘indice di sofferenza’: le associazioni toscane lamentano soprattutto la riduzione delle risorse, la difficoltà a reclutare nuovi volontari e l’elevato turn over.

Un’intera sezione del volume è, infine, dedicata a «giovani e volontariato». Dall’indagine, che ha coinvolto 1264 studenti delle scuole superiori toscane, emerge che metà del campione considera il volontariato un «modo per sentirsi soddisfatti di se stessi» e per «fare attività socialmente utili». La maggioranza degli studenti che svolgono attività di volontariato operano in ambito sociale e ben il 68% dichiara di essersi avvicinato al volontariato grazie ad amici, familiari ed insegnanti, mentre il 17% afferma di aver deciso «da solo» e soltanto 5,3% dichiara di aver scelto grazie a campagne pubblicitarie, depliant o internet. La gran parte dei giovani toscani, infatti, boccia le strategie comunicative delle associazioni: il 66% le giudica «poco o per niente» coinvolgenti ma il 76% vorrebbe ricevere maggiori informazioni sulle attività delle organizzazioni di volontariato. Infine, il 55% dichiara di non conoscere il Servizio civile nazionale.

Il volume è consultabile gratuitamente online su www.cesvot.it

Il volontariato inatteso: ecco il nuovo volto dell'associazionismo toscano
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento