Toscana
stampa

«In-Orchestra»: a Spazio Reale la musica aiuta l'inclusione dei disabili

Un progetto di tre anni, iniziato nel 2016 e concluso appunto nei giorni scorsi, che ha permesso la comunicazione fra arti diverse. E che comunicazione. Ma soprattutto ha consentito a bambini e ragazzi con disabilità mentale medio/grave di compiere un percorso che, grazie proprio a queste arti, li ha messi sicuramente a loro agio.

Percorsi: Disabilità - Musica
«In-Orchestra»: a Spazio Reale la musica aiuta l'inclusione dei disabili

Stiamo parlando del progetto "In-Orchestra", un partenariato a supporto dell'innovazione finanziato da Erasmus+. Un progetto che ha sviluppato un vero e proprio "Multi-art network", con percorsi educativi inclusivi di tipo musicale-orchestrale, artistico-multimediale e teatrale-corporeo. Un progetto che, oltre alle arti, ha messo in comunicazione fra di loro tre paesi diversi visto che i soggetti coinvolti hanno la loro sede rispettivamente in Italia, Francia e Turchia: la Fondazione Scuola di musica di Fiesole onlus, capofila del progetto e che si è avvalsa della preziosa collaborazione della Fondazione Sequeri Esagramma onlus e della Fondazione Spazio Reale, Centre de la Gabrielle (Francia) e Usak University (Turchia). E proprio a Spazio Reale si è svolto l'evento conclusivo del progetto, un momento di incontro e confronto, con laboratori, workshop e un momento davvero significativo, ovvero il concerto dell’Orchestra sinfonica partecipativa che vede come soggetti protagonisti la Scuola di musica di Fiesole, la Fondazione Sequeri Esagramma e la Fondazione Spazio Reale, dove i giovani musicisti hanno spesso provato i loro strumenti. Anzi, come ribadito da Licia Sbattella, della Fondazione Sequeri Esagramma, "sono riusciti a essere una voce unica con lo strumento che hanno suonato, esprimendo in questo modo la loro "relazione" con gli altri". A fare gli onori di casa Elisabetta Carullo, direttore della Fondazione Spazio Reale; insieme a lei Rita Urbani (delegata a rappresentare il sovrintendente della Scuola di Musica di Fiesole, Lorenzo Cinatti), Alexandra Storari (Euro Project Lab), Meral Ozcinar (Usak University), Laurene Mathey (Centre de la Gabrielle), l'assessore Giorgia Salvatori e il consigliere Alessandro Consigli in rappresentanza del Comune di Campi, e Lorenzo Mentuccia di "Indire" (Istituto nazionale documentazione innovazione e ricerca educativa all'interno del quale opera l'agenzia nazionale Erasmus+): "E' sempre un piacere, da parte nostra, sostenere questi progetti, - ha detto Mentuccia - progetti che devono servire alla comunità ma soprattutto avere una sostenibilità futura". Progetti che per due giorni hanno portato l'Europa all'interno di Spazio Reale, un vero e proprio incontro di culture fatto di allegria, scambio e formazione.

«In-Orchestra»: a Spazio Reale la musica aiuta l'inclusione dei disabili
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento