Toscana
stampa

LIBIA: TRIPOLI NON RICONOSCE AUTORITÀ CORTE PENALE INTERNAZIONALE

Percorsi: Mondo
Parole chiave: libia (322), africa (798), gheddafi (87), cpi (6), onu (290), nato (23)

(ASCA-AFP) - L'Aja - Tripoli ha respinto i mandati d'arresto spiccati ieri dalla Corte Penale Internazionale dell'Aja contro il leader libico Muammar Gheddafi, suo figlio Seif Al-Islam e il capo dei servizi di sicurezza libici, Abdullah al-Senussi annunciando di non riconoscere l'autorità del Cpi. Ieri la Corte Penale Internazionale ha spiccato un mandato d'arresto contro Gheddafi e i suoi due collaboratori per crimini contro l'umanità, commessi contro gli oppositori al suo regime a partire da metà febbraio. La decisione è una "copertura per la Nato che sta cercando ancora di uccidere Gheddafi", ha dichiarato il ministro della Giustizia libico Mohammed al-Gamudi. Il vice ministro degli Esteri libico Khaled Kaaim ha invece detto che l'Icc "sta agendo come uno strumento di politica estera europea". Al-Gamudi ha infine sottolineato come il suo Paese non ha sottoscritto il trattato di Roma con cui è stata fondata la Corte penale internazionale e "per questo non ne riconosce la giurisdizione".

LIBIA: TRIPOLI NON RICONOSCE AUTORITÀ CORTE PENALE INTERNAZIONALE
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento