Toscana
stampa

LUCCHINI: ROSSI, MORDASHOV HA ASSICURATO CHE HA UN FUTURO

Percorsi: Regione
Parole chiave: lavoro (615), imprese (136), piombino (7), regione toscana (1598), crisi economica (372)

(ASCA) - “Mordashov ci ha assicurato che questa azienda ha un futuro e che lui stesso aprirà un fase di confronto con il sistema bancario per ricontrattare il debito. Ci ha anche informati di avere un piano industriale che prevede, insieme ad una ristrutturazione, anche nuovi investimenti con l'obiettivo di raddoppiare la produzione di rotaie”. Lo afferma Enrico Rossi, presdente della Regione Toscana, che oggi a Piombino (Li) ha partecipato a un incontro con il magnate russo della Severstal Alexey Mordashov, il sottosegretario al Ministero per lo Sviluppo Economico Stefano Saglia, il sindaco di Piombino Gianni Anselmi, il presidente della Provincia Giorgio Kutufà e il prefetto di Livorno Domenico Mannino. “La Lucchini - ha detto Rossi al termine dell'incontro - deve avere un futuro perché è un azienda che fa prodotti di alta qualità con una storia industriale di assoluto rispetto e con maestranze e tecnologie all'avanguardia. Naturalmente è fondamentale che si trovi un accordo con le banche”. Però, secondo Rossi, “la cosa più importante sta nel metodo. Oggi intorno allo stesso tavolo, insieme alla proprietà dell'azienda, erano sedute le istituzioni locali, la Regione e anche il governo nazionale. Mordachov ci ha illustrato il piano industriale e entro ottobre sapremo se riuscirà a trovare un accordo con le banche. La Regione è già intervenuta con 5 milioni a sostegno dell'indotto che serve a sostenere le Pmi durante la fase di ristrutturazione, fino, ci auguriamo, alla ripresa”.

LUCCHINI: ROSSI, MORDASHOV HA ASSICURATO CHE HA UN FUTURO
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento