Toscana
stampa

LUSSEMBURGO: CRISI COSTITUZIONALE PER VETO DEL GRANDUCA SULL'EUTANASIA

Percorsi: Mondo
Parole chiave: eutanasia (131)

È crisi costituzionale nel granducato del Lussemburgo a causa del rifiuto del granduca Henri di ratificare la legge che dovrebbe legalizzare l'eutanasia per problemi di coscienza. È la prima volta che nel piccolo Stato un reggente si oppone alla volontà del Parlamento. Lo scorso febbraio il Parlamento lussemburghese aveva votato la legge secondo cui i malati terminali potrebbero porre fine alla propria vita con l'assistenza di almeno due medici e un gruppo di esperti. Nei mesi che ne avevano accompagnato la redazione la Chiesa cattolica locale aveva condotto una campagna attiva contraria, chiedendo di rafforzare le cure palliative per i pazienti terminali e invitando i politici cattolici a seguire la dottrina cristiana nei loro voti. Un problema del genere si era verificato in Belgio nel 1990, quando re Baldovino si era rifiutato di firmare la legge sull'aborto; in quell'occasione - per assicurare l'approvazione della legge – il sovrano era stato dichiarato temporaneamente incapace di governare dal Parlamento. Jean-Claude Juncker, primo ministro lussemburghese (partito cristiano-sociale) pur essendo contrario alla legge ritiene che il Parlamento debba avere l'ultima parola; propone quindi una modifica costituzionale che preveda, con il consenso dei due terzi del Parlamento, che il veto non possa più essere esercitato.
Sir

LUSSEMBURGO: CRISI COSTITUZIONALE PER VETO DEL GRANDUCA SULL'EUTANASIA
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento