Toscana
stampa

La vicenda di Malika, cacciata di casa perché omosessuale: il direttore di Toscana Oggi risponde ai lettori

Una lettrice scrive a Toscana Oggi per chiedere una riflessione sulla notizia della ragazza di Castelfiorentino cacciata di casa perché lesbica. ecco la risposta del direttore Domenico Mugnaini

Percorsi: sociale
lettera

La nostra lettrice ci interroga su un tema di stretta attualità che Malika, la giovane di Castelfiorentino, ha portato all’attenzione di tutti. E non solo perché lei ha dichiarato la sua omosessualità ma pure per la reazione della famiglia, e in particolare della madre di cui sono stati diffusi i messaggi che indubbiamente colpiscono per la violenza delle parole, delle minacce. Quasi che quella ragazza fosse una nemica e non fosse stata da lei generata. Nella storia ci sono sempre stati padri che hanno avuto un difficile rapporto con i figli, maschi o femmine, più raro ma capita che questo succeda con le madri, perché il legame di una mamma, lo dico da uomo e da padre, è sempre più forte. È però vero che quello che sappiamo della famiglia è ciò che ha raccontato la giovane. Lo stesso sindaco di Castelfiorentino, Alessio Falorni, tra il primo video postato sui social a caldo e uno successivo, dopo l’incontro con i genitori, ha cambiato tono invitando al rispetto per tutti i protagonisti.

Mettiamo da una parte, e per fortuna in molti prima di noi lo hanno già detto, i rapporti interni alla loro casa. Purtroppo ancora una volta da padrone la fanno i social e qualche influencer. Per carità, benissimo se ciò ha permesso alla ragazza di uscire allo scoperto, ma forse dovremmo avere anche un po’ più di fiducia nelle istituzioni, carabinieri e magistratura, e permettere che queste facciano il loro corso. Parliamo del diritto di ciascuno a non essere respinto per i suoi orientamenti sessuali, religiosi o di origine. Sono diritti, tutti e non solo quelli che fanno comodo a qualcuno, che nessuno può disconoscere. Né una madre, né un padre né un fratello, ma neppure il politico di turno. Malika non è la prima persona che si trova in questa situazione e, purtroppo non sarà l’ultima. Ha ragione la signora Fiammetta a ricordare pure le famiglie che pretendono ancor oggi di scegliere il fidanzato della figlia (non lo fanno solo quelle di origine islamica). Non possiamo non ricordare, e lo fa anche la nostra lettrice, le parole che papa Francesco più volte ha pronunciato su questo tema: «Se un figlio rivela la sua omosessualità ai genitori, questi devono pregare, non condannare, dialogare, capire, fare spazio perché si esprima» altrimenti viene meno «la maternità e la paternità». «Quel figlio ha diritto a una famiglia e non a essere cacciato», aggiunse il Pontefice. Ma anche oggi, come quando parlò Francesco, da destra come da sinistra, spuntano solo polemiche e strumentalizzazioni che poco c’entrano con la ragazza o con le parole del Papa. Il ddl Zan, com’è stato spiegato, è ormai un argomento divisivo perché - e la stessa commissione Affari costituzionali avrebbe paventato il rischio - potrebbe portare a un nuovo reato, quello di opinione. In questa stessa pagina c’è un altro intervento su un tema in qualche modo legato a quanto sopra detto. Non so, signora Fiammetta, se le ho risposto. Di certo una cosa sono i diritti delle persone, altra quelli di chi con questi fa battaglie che hanno scopi diversi, magari con l’idea di una famiglia diversa da quella riconosciuta dalla Costituzione.

La vicenda di Malika, cacciata di casa perché omosessuale: il direttore di Toscana Oggi risponde ai lettori
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento