Toscana
stampa

Lavoro, Confcooperative Toscana: "Costruire un sistema più equo e sostenibile ripartendo dai giovani"

Si è svolta a Lucca l’assemblea regionale di Confcooperative Lavoro e Servizi. L'appello: «ripartire dai più giovani, farci carico delle loro difficoltà occupazionali»

Percorsi: Confcooperative - Lavoro
lavoro

“La pandemia ci ha costretto a ripensare molti aspetti delle nostre vite e messo a repentaglio la tenuta economica della società, riscrivendo quindi anche le regole del mondo del lavoro. Come cooperative del settore vogliamo dare il nostro contributo alla costruzione di un nuovo ecosistema lavorativo, cavalcando l’innovazione e accettando le sfide del futuro. Per farlo dobbiamo ripartire dai più giovani, farci carico delle loro difficoltà occupazionali e coinvolgere chi un domani potrà prendere il nostro posto”. 
A dirlo è Francesco Clementi, presidente di Confcooperative Lavoro e Servizi,  durante l’assemblea regionale che si è svolta nella giornata di oggi nell’ Auditorium  Cappelle Guinigi all’interno del Complesso di San Francesco, a Lucca.
“Come ogni rapporto sociale - prosegue - anche quello lavorativo è cambiato per sempre, in certi casi è stato stravolto. Di fronte a noi si pone quindi un dibattito quanto mai attuale, soprattutto per le nuove generazioni in cerca di condizioni di migliori di quelle che il nostro Paese è stato in grado di offrire fino a oggi. Con la necessità di rispondere quanto prima alle difficoltà imposte prima della pandemia è poi dall’aumento dei costi delle materie prime dovuti alla guerra in Ucraina”.
Le cooperative di lavoro toscane - dice Clementi - vogliono rimettere al centro un modo di lavorare sostenibile e inclusivo, che possa rispondere alle necessità della nostra epoca e che possa essere la rampa di lancio per una ricostruzione di comunità solidali e fervide. Siamo convinti che si possa fare una buona cooperazione rispettando le leggi che lo Stato ci impone, applicando un cambio radicale del paradigma: la cooperazione non deve essere vissuta come un sistema che permette di abbassare il costo del personale scaricandolo sugli stessi lavoratori tramite deroghe regolamentari al Contratto collettivo nazionale di lavoro (Ccnl) per i soci, ma al contrario come un sistema aziendale che si  basa sul principio del ‘fare squadra’ partendo da regole uguali per tutti”.
“Come vogliamo riuscirci? - conclude il presidente di Confcooperative Lavoro e Servizi - Sfruttando la rivoluzione digitale e le nuove tecnologie per arrivare a una produttività che sia coerente con tutti i principi di sostenibilità della transizione ecologica e con le esigenza di vita dei lavoratori e delle lavoratrici, senza disparità di alcun genere”.
Ad inaugurare l’evento, dal titolo “Cooperazione al centro: innovazione e lavoro per la ripartenza”monsignor Paolo Giulietti, Vescovo di Lucca, insieme a Luca Menesini, presidente della Provincia di Lucca e Marina Lauri, presidente di Gal MontagnappenninoAnna Ascani, sottosegretaria del Ministero dello Sviluppo Economico è intervenuta con un videomessaggio.
Erano presenti anche Claudia Fiaschi, presidente di Confcooperative Toscana, Stefano Ciuoffo, assessore regionale alle Infrastrutture digitali e ai Rapporti con gli enti localiEster Macrì di Giovani Imprenditori Confcooperative ToscanaLorenzo Giuntini, responsabile relazioni industriali di Confcooperative ToscanaNicola Perini, presidente Confservizi Cispel Toscana e Gaetano Scognamiglio, presidente fondazione Promo PA.

Fonte: Comunicato stampa
Lavoro, Confcooperative Toscana: "Costruire un sistema più equo e sostenibile ripartendo dai giovani"
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento