Toscana
stampa

MAREMOTO SUD-EST ASIATICO, INIZIATIVE DI SOLIDARIETÀ IN TOSCANA

Percorsi: Regione

Tante iniziative di solidarietà, anche in Toscana, in aiuto alle popolazioni colpite dal maremoto. La Provincia di Prato ha stanziato un fondo di solidarietà di 15 mila euro per sostenere progetti di aiuto. Il presidente Massimo Logli e l'assessore alle Politiche sociali e alla Pace Irene Gorelli, hanno manifestato la loro solidarietà al vicepresidente della comunità cingalese di Prato (domani ci sarà un incontro in Provincia) ed hanno preso contatti con la Caritas diocesana che ha già lanciato un appello alla mobilitazione, e con le comunità delle suore di Poggio a Caiano e di Iolo. Le religiose hanno infatti due case nello Sri Lanka dove lavorano dodici suore che si dedicano in modo particolare alle bambine orfane della guerra e che non sono state colpite.

Denis Verdini, Paolo Amato e Daniele Ferranti, rispettivamente Coordinatore Regionale Forza Italia della Toscana, Responsabile Organizzazione Regionale di Forza Italia della Toscana e Coordinatore Regionale di Forza Italia Giovani della Toscana, annunciano una raccolta fondi di solidarietà per dimostrare come non si possa essere indifferenti al dolore di queste popolazioni. Verranno inviati da domani SMS, da inoltrare al numero 48580 valido per tutti gli utenti, sia quello dei telefonini Tim, sia quelli di Vodafone e di Wind, sia per gli abbonati H3G con il testo «Un aiuto subito Corriere della Sera-Tg5 -FI/FI Giovani Toscana». Per ogni messaggino spedito sarà donato 1 euro. Da domani si potranno anche effettuare bonifici sul conto corrente 000024000x41 intestato «PRO TERREMOTATI SUD EST ASIATICO” coordinate bancarie CIN P; ABI 05696; CAB 11000, promosso dal "Il Giornale" e dalla Banca Popolare di Sondrio. Sempre domani presso la segreteria regionale di Forza Italia di Firenze (Via Speziali, 1), saranno raccolti fondi a cura del Coordinamento Regionale toscano Club, presieduto da Roberta Naldini.

La Caritas di Pistoia, a nome del vescovo Simone Scatizzi, lancia un appello di solidarietà invitando le comunità parrocchiali «a sensibilizzare e raccogliere fondi possibilmente nella domenica del 2 gennaio 2005, da inviare tramite la Caritas diocesana in aiuto a quelle popolazioni». Le offerte devono essere consegnate alla Caritas diocesana di Pistoia (via Puccini 36) al mattino dalle 9 alle 12.30 o versate sul conto corrente postale numero 10900512 intestato alla Caritas Diocesana- via Puccini 36, Pistoia con la causale «Pro maremoto sud est asiatico”.

Il Comune di Lucca ha deciso di “adottare” la città di Galle nello Sri Lanka, verso la quale incanalare gli aiuti raccolti fra i cittadini, così come è già avvenuto nel 2003 con il paese di S. Elia in Molise e l'anno passato con di Bam in Iran. A Lucca, infatti, informa una nota, una delle maggiore comunità di immigrati regolari proviene proprio dallo Sri Lanka: 800 residenti sul territorio comunale e oltre 1500 in tutta la provincia. Molti di loro hanno parenti, famiglie e amici nel paese fra i più colpiti dello tsunami e in molti casi non sono ancora riusciti ad avere notizie. La comunità di cingalesi conta un folto gruppo che proviene da Galle, un'antica città fortificata che sorge sul mare, a 70 chilometri dalla capitale Colombo e che è stata investita in pieno dal maremoto. «Visto che siamo riusciti a instaurare una linea diretta di contatto con il primo ministro dello Sri Lanka - afferma il sindaco Pietro Fazzi - proprio grazie alla comunità cingalese che vive a Lucca, abbiamo deciso di convogliare gli aiuti umanitari lucchesi per riuscire a risollevare la città di Galle, che contava, prima del disastro, 100 mila abitanti e proprio come la nostra città era delimitata da una cinta di mura storiche”. Una sottoscrizione è stata aperta sul nø conto corrente postale 13285556 intestato a Comune di Lucca indicando la causale «pro popolazioni dell'Asia» oppure tramite conto corrente bancario su Cassa di Risparmio di Lucca, nø 000003991014, Abi: 6200 - Cab: 13701 - Cin: S intestato a Comune di Lucca indicando la causale «pro popolazioni dell'Asia».

«Abbiamo già formato una squadra di otto tecnici - spiega Enrico Luchi, manager alla sicurezza che giuda la missione - di Geal, Gesam e Sistema ambiente per i primi interventi sull'energia elettrica e sull'acquedotto. Oltre a fare offerte sul conto corrente per la raccolta di fondi i cittadini possono comperare alimenti di prima necessità che saranno trasportati alla popolazione di Galle con un cargo. Abbiamo contattato l'ambasciata dello Sri Lanka, in Italia, che ci aiuterà con il programma di aiuti, indicando le reali necessità del territorio». (ANSA).

MAREMOTO SUD-EST ASIATICO, INIZIATIVE DI SOLIDARIETÀ IN TOSCANA
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento